Attualità
Imperia

Amici di Caramagna ancora una volta in prima linea per l'Ucraina

Un tir partirà dalla Riviera dei Fiori per portare aiuti direttamente alla popolazione che è ancora sotto alle bombe russe.

Amici di Caramagna ancora una volta in prima linea per l'Ucraina
Attualità Imperia, 19 Aprile 2022 ore 18:34

Sollecitato da diverse associazioni e dal dottor Antonio Martini, consigliere comunale a San Bartolomeo al Mare, il circolo Amici di Caramagna è pronto per una nuova raccolta in favore del popolo ucraino in guerra.

 

Circolo Amici di Caramagna torna a raccogliere aiuti per l'Ucraina

"Il nostro pensiero- spiega il presidente Vittorio Chisi, (nella foto in copertina) presidente del circolo- va agli ucraini che ancora scappano sotto alle bombe, visto che dei profughi già in salvo in Europa e in Italia se ne occupano diversi governi e diverse associazioni. Riteniamo che sia più utile destinare a chi ancora si trova in guerra quanto riusciremo a raccogliere. Siamo in contatto con il dottor martini- spiega- che ha la moglie ucraina, quindi riceve le richieste direttamente dal paese invaso, per destinare pasta, tonno, alimenti a lunga conservazione e prodotti per i bambini".

 

Il piano

Le donazioni potranno essere consegnate al Circolo nelle ore centrali della mattinata e del pomeriggio direttamente nella sede di Caramagna, dal lunedì al venerdì. A raccolta conclusa, che non ha ancora una data di scadenza ufficiale, i prodotti saranno raccolti a San Bartolomeo al Mare e caricati sul Tir che raggiungerà l'Ucraina.

 

La maxi raccolta delle scorse settimane

Già nei primi giorni dall'invasione del paese da parte della Federazione Russa, con la gara di solidarietà che si era scatenata in tutta l'Europa, l'associazione imperiese aveva raccolto tonnellate di materiale- forse la donazione più importante del ponente ligure- e aveva fatto la spola, in una giornata intera, con un camion, da Imperia a Genova per consegnare gli aiuti ai profughi.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie