Attualità
Formazione

Garanzia Giovani: partono solo 12 corsi su 153

Poca domanda per i corsi di formazione dei giovani under 29. "L'informazione è insufficiente" dice il consigliere Rossetti

Garanzia Giovani: partono solo 12 corsi su 153
Attualità Imperia, 05 Ottobre 2022 ore 16:26

E' polemico il consigliere regionale del PD, Pippo Rossetti, sul programma Garanzia Giovani e sul mancato avvio dei corsi di formazione.

"il sistema regionale va modificato"

Dei 153 corsi annunciati per i giovani under 29 sono solo 12, infatti, quelli che prenderanno il via, per mancanza di domanda, un fatto che "conferma che il sistema regionale va modificato" dice il consigliere, "serve una nuova strategia basata sulla sinergia tra le parti, coinvolgendo giovani, enti di formazione, associazioni, centri per l’impiego e aziende in un rapporto sinergico, per far incontrare domanda e offerta”.

“La risposta dell’assessore Berrino alla mia interrogazione sull’avvio di soli 12 corsi di formazione su 153, per i giovani under 29 che non studiano e non lavorano conferma che da parte della Regione in questi anni è mancata una strategia puntuale, in grado di permettere alle nuove generazioni di accedere a questi percorsi." spiega ancora Rossetti che ha presentato un’interrogazione in consiglio sul programma Garanzia giovani. "Dire infatti che sono stati avviati solo 12 corsi per mancanza di domanda vuol dire che c’è un problema. Se i giovani non hanno fatto richiesta, forse è perché oltre a un’informazione insufficiente o non del tutto adeguata, siamo di fronte a un sistema sbagliato che va modificato: i corsi professionalizzanti dovrebbero vedere un percorso partecipato che coinvolge i giovani, gli enti di formazione, il mondo associativo, i centri per l’impiego e le aziende, dove le varie parti collaborano fra di loro per offrire percorsi di formazione in linea con le richieste del mondo del lavoro puntando su centri per l’impiego che, non siano solo scatole piene di burocrazia, ma facciano incontrare domanda e offerta, svolgendo appieno il proprio ruolo di tramite tra l’azienda e chi cerca lavoro e viceversa”.

“Non serve infatti annunciare di avere a disposizione un budget di 12,3 milioni di euro per i Neet se poi non si è in grado di investire quei soldi, perché è come non averli." conclude infine Rossetti, aggiungendo che "Le cause di questo fallimento, però, non vanno cercate fuori dai confini regionali, come la Giunta invece sembra voler fare, ma sono tutte interne, come anche le soluzioni: va cambiato il sistema di accesso alla formazione e quello che fa incontrare domanda e offerta di lavoro”.

 

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie