Attualità
Quantità impressionante

Lotta alla processionaria a Capo Berta

Presenti anche semplici cittadini per distruggere i nidi sugli alberi

Lotta alla processionaria a Capo Berta
Attualità Golfo Dianese, 13 Febbraio 2022 ore 11:09

Lotta alla Processionaria

In azione da questa mattina la Guardia Ambientale Zoofila per distruggere i nidi della processionaria presenti in grandi quantità sugli alberi nella zona di Capo Berta nel comune di Diano Marina.

Oltre alla Guardia ambientale anche la GM di Diano Marina, la protezione civile di Cervo e Diano  e alcuni cittadini.

La "battuta" alla processionaria è partita dal Monumento della Milano-Sanremo fino ad arrivare a "La Rondinella".

Cos'è la Processionaria

La processionaria è un artropode appartenente all'ordine dei lepidotteri e alla famiglia delle Notodontidae.

Gli esemplari giovani di processionaria del pino si presentano come larve di lunghezza compresa fra i 3 e i 4 centimetri. Queste larve sono ricoperte da una serie di peli urticanti che si possono staccare facilmente in seguito al contatto con l'animale, ma che possono essere facilmente staccati e trasportati anche dal vento.

Entrando nella fase adulta, invece, la processionaria subisce una metamorfosi e si trasforma in una sorta di falena, la cui vita è piuttosto breve (pochi giorni).

I danni della Processionaria

Le larve di processionaria sono molto voraci fin dalla nascita e si nutrono delle foglie della pianta su cui sono nate. A causa di questo comportamento, la processionaria causa il defogliamento dell'albero. Non a caso, questo animale è considerato come il defogliatore dei pini più temuto e pericoloso.

Generalmente, la processionaria attacca preferenzialmente il pino silvestre e il pino nero, ma può svilupparsi anche su altre specie di pino e, nelle aree urbane, colonizzare e nutrirsi anche dei cedri.

I periodi dell'anno in cui la processionaria provoca i maggiori danni alle piante sono la primavera (soprattutto nei mesi di marzo e aprile, quando le larve riprendono la loro attività) e l'inizio dell'autunno (in particolare nel mese di ottobre).

Le larve di processionaria, nutrendosi delle foglie degli alberi, provocano un grave indebolimento nelle piante che si trovano così più facilmente esposte all'attacco di parassiti secondari e al rischio di morte.

5 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie