Cronaca
NUOVA TRANCHE INVESTIGATIVA

Appalti truccati: 4 indagati, nei guai anche un funzionario comunale

Le indagini riguardano presunti episodi corruttivi, di turbativa degli incanti e rivelazione di segreti d’ufficio

Appalti truccati: 4 indagati, nei guai anche un funzionario comunale
Cronaca Imperia, 05 Novembre 2022 ore 18:43

Tra le ipotesi di reato figura la turbativa d'asta

Quattro avvisi di garanzia sono stati notificati nell’ambito di una indagine stralcio alla maxi inchiesta per gli appalti truccati, che nel fine maggio scorso ha visto finire in carcere l’allora sindaco di Aurigo, Luigino Dellerba e l’imprenditore Vincenzo Speranza della “Edilcantieri Costruzioni srl”. Quest'ultimo accusato di aver ceduto a Dellerba una mazzetta di duemila euro, in cambio dell’ottenimento di lavori pubblici.

Ecco i nomi nel registro degli indagati

In questo caso, a finire nei guai sono nuovamente i fratelli Gaetano e Vincenzo Speranza (Gaetano era indagato in stato di libertà per la prima vicenda); Fabrizio Rosa, responsabile ufficio lavori pubblici del Comune di Castel Vittorio (in val Nervia, sulle alture di Ventimiglia), nonché rup per la procedura negoziata inerente l’affidamento dei lavori pubblici ed Enzo Macrì, amministratore unico ditta “Edilmac costruzioni srl” (Mario Taddei).

Le indagini, in questo caso coordinate dal sostituto procuratore Antonella Politi

riguardano presunti episodi corruttivi, di turbativa degli incanti e rivelazione di segreti d’ufficio "da parte di pubblici ufficiali di un Comune della provincia per favorire imprenditori locali”.

In particolare, le contestazioni riguardano fatti accaduti lo scorso marzo, allorquando nel corso delle attività prodromiche all’assegnazione di un appalto del valore complessivo di circa 200mila euro per la ristrutturazione e il recupero urbanistico di area destinata a manifestazioni pubbliche del Comune di Castel Vittorio, la ditta assegnataria riuscì a farsi affidare l’appalto grazie all’accordo con le altre imprese invitate il cui elenco, secondo gli inquirenti, gli era stato illecitamente consegnato dal funzionario del Comune interessato.

I particolari dell'inchiesta

I due fratelli Speranza e il funzionario Rosa sono indagati, relativamente all’appalto per la ristrutturazione e il recupero urbanistico dell’area destinata alle manifestazioni culturali e ai festeggiamenti, per un valore complessivo di 200mila euro (con importo di 151.705, 62 euro soggetto a ribasso d’asta).

In particolare, il 27 marzo scorso

la Edilcantieri venne invitata a partecipare a una procedura negoziata e lo stesso Rosa “violando i doveri inerenti alle proprie funzioni, rivelava a Speranza Gaetano - come si evince dagli atti - l’elenco, con relativi nominativi, delle ditte partecipanti alla procedura”. Una notizia destinata a rimanere segreta.

Dalla ricostruzione degli inquirenti emerge che

“Con mezzi fraudolenti consistiti nella rivelazione, da parte del Rosa a Gaetano Speranza, il quale agiva in rappresentanza della ditta Edilcantieri del fratello Vincenzo, dell’elenco delle ditte partecipanti a detta procedura, da cui conseguivano accordi economici tra Vincenzo Speranza ed Enzo Macrì per la presentazione delle offerte economiche al ribasso, affinché i lavori venissero aggiudicati alla ditta Edilcantieri. 

Fabrizio Tenerelli

Seguici sui nostri canali
Necrologie