Cronaca

ATTACCA L'ADESIVO DELLA FRANCIA SULLA TARGA/ BECCATO DA AGENTE DELLA MUNICIPALE UN FURBETTO DELLO STREET CONTROL

ATTACCA L'ADESIVO DELLA FRANCIA SULLA TARGA/ BECCATO DA AGENTE DELLA MUNICIPALE  UN  FURBETTO DELLO STREET CONTROL
Cronaca Sanremo, 20 Giugno 2017 ore 10:13

Sanremo - Fatta la legge trovato l'inganno.  Mai detto fu più vero. Un automobolista residente fuori sAnremo ma assiduo frequentatore della città dei fiori ha deciso di eludere lo Street control il "marchingegno" più odiato andando ad alterare la targa della sua utilitaria.

Il "furbetto" aveva pensato bene di aggiungere alla sua targa la lettera "F della Francia e i numeri di un distretto francese, nello specifico quello di Parigi. In questo modo poteva tranquillamente parcheggiare dove voleva senza l'ansia della contravvenzione. 

Un sistema che l'automobilista aveva già utilizzato in passato, era stato anche sanzionato a sua insaputa ma la multa, ovviamente, era rimasta senza destinatario. 

Giorni fa invece gli è andata male. L'uomo aveva lasciato l'auto in divieto di sosta, come d'abitudine, in Via Roma. Ma un attento agente della polizia municipale. R.D.S, si è reso conto che quella targa aveva qualcosa di anomalo. Si è avvicinato e ha scoperto il trucchetto. 

Subito è scattata l'ammenda di 41 euro per il divieto oltre a 2mila euro per l'alterazione della targa. A quel punto il furbetto si è visto contestare anche la precedente multa-

"Ho fatto una stupidata - ha dichiarato l'automobilista una volta recatosi al comando di Via Giusti"

"E' la prima volta che ci troviamo davanti a un escamotage del genere - ha dichiarato il comandate Claudio Frattarola - di solito usano stratagemmi più banali, tipo fogli di carta che accidentalmente coprono la targa o sacchetti di plastica che escono dal bagagliaio non permettendo di leggere i numeri. In quel caso è più difficile dimostrare la malafede anche se è abbastanza palese"

Leggi qui altre notizie de primalariviera.it

 


Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie