Cronaca

BARCHE FERME A SANREMO: PESCATORI SUL PIEDE DI GUERRA/ TRASFERTA NOTTURNA A ROMA/ VIDEO

BARCHE FERME A SANREMO: PESCATORI SUL PIEDE DI GUERRA/ TRASFERTA NOTTURNA A ROMA/ VIDEO
Cronaca Sanremo, 01 Marzo 2017 ore 19:50

Sanremo -  pescatori di Sanremo hanno fermato le loro barche, in segno di protesta contro il Decreto 154, al vaglio del governo, che prevede un pacchetto di sanzioni, considerate esageratamente "salate" e penalizzanti della categoria. In serata, una ventina di esponenti della categoria si è incontrata all'imbocco del Poeto Vecchio, dove sono ormeggiate le imbarcazioni, accanto alle quali sorgono le bancarelle del pesce fresco, per organizzarsi in vista di una trasferta notturna a Roma, assieme a una delegazione di Imperia, per proseguire con la protesta davanti a Montecitorio, iniziata ieri a livello nazionale. (LEGGI QUI LE LEGGI CHE SPAVENTANO I PESCATORI)

"Ci stiamo riunendo per andare a Roma a dare conforto ai nostri colleghi - spiega Francesco De Bella, portavoce dei pescatori di Sanremo -. Una protesta ad oltranza che vedrà nella Capitale la nostra presenza, a turno, per dire no a questo Decreto, basato su un modello repressivo anziché educativo". E se da una parte sono previste alcune depenalizzazioni, dall'altra c'è un inasprimento delle sanzioni per tutta una serie di irregolarità, che vanno: "dalla taglia minima del pescato - ancora De Bella - ai rigetti in mare, alla pesca del tonno e del pesce spada, con multe che arrivano a 150mila euro, se ad esempio si supera il quintale di tonno pescato".

Fabrizio Tenerelli

Leggi (QUI) le altre notizie de La-Riviera.it


Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie