Cronaca
IL CASO

Bufera nella Lega a Ventimiglia, Bevilacqua si dimette da capogruppo consiliare

Il consigliere comunale di Ventimiglia, Marcello Bevilacqua, si è dimesso dal ruolo di capogruppo, pur restando all’interno del partito

Bufera nella Lega a Ventimiglia, Bevilacqua si dimette da capogruppo consiliare
Cronaca Ventimiglia, 25 Marzo 2022 ore 11:12

Contrasti interni al partito da parte del capogruppo uscente

Il consigliere comunale di Ventimiglia, Marcello Bevilacqua, si è dimesso dal ruolo di capogruppo, pur restando all’interno del partito: la Lega. “Una decisione molto sofferta, in quanto mi sento un leghista di vecchia data - afferma in una nota - perché ho sempre lavorato per far crescere il gruppo Lega ma negli ultimi anni ho dovuto mandare giù troppi bocconi amari”. Precisa Bevilacqua: “Per il momento non lascio il gruppo Lega, perché è quello che mi ha permesso di essere eletto e credo che sia dovuto, soprattutto ai miei elettori, restare all'interno del partito con cui mi sono presentato alle elezioni, ma non escludo altre mosse in futuro, soprattutto per tutelare gli interessi dei cittadini, libero se necessario di decidere diversamente dalla linea del partito”.

I dissapori, stando a quanto affermato da Bevilacqua

“Nascono dalla scelta di inserire all'interno della lista elettorale di alcuni professionisti della politica, persone che al partito hanno dato ben poco e ricevuto molto. Nasce dalla rimozione di Andrea Spinosi da segretario cittadino, dalla scelta di affidare un assessorato a un assessore esterno e prosegue dalla scelta dei nomi dei candidati alle ultime elezioni regionali. Per aggiungere il comportamento di alcuni consiglieri comunali che in diverse pratiche si sono comportati diversamente da quello che erano le direttive del partito, addirittura arrivando a votare contro il bilancio, la pratica madre dell'amministrazione comunale, nonostante sia io come capogruppo che il commissario cittadino Flavio Di Muro avevamo detto di votare a favore. A questa come altre defezioni avrei auspicato un intervento deciso da parte della dirigenza Lega, cosa che non è avvenuta, facendo trasparire una certa debolezza all'interno del partito”.

Conclude Bevilacqua: “Rimane il mio pieno appoggio all'amministrazione comunale e al sindaco Scullino, in un momento dove l'aiuto da parte di Roma dev'essere ancora più incisivo. Ma questa è soltanto storia, il motivo che mi vede più in contrasto con il partito è la mancanza di sostegno in alcune tematiche importanti sulla città, soprattutto immigrazione e sicurezza. Nessuna mossa a livello nazionale, nessuna mossa a livello regionale, ben consapevoli che il successo della Lega è sempre stato il contrasto all'immigrazione e la sicurezza. Spero che questa mia mossa, pur essendo una goccia nel mare, possa risvegliare le parti alte del Partito affinché si rincominci a parlare dei veri problemi e non di soffermarsi su alcune pratiche di minore importanza”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie