I CORPI A DISPOSIZIONE DELL'AUTORITA' GIUDIZIARIA

Cadaveri in mare: indagini italo francesi e autopsie in corso per identificare 8 vittime

Non essendoci dispersi in provincia di Imperia, è quasi certo che i corpi appartengano a francesi trascinati via dalle correnti in Francia

Cadaveri in mare: indagini italo francesi e autopsie in corso per identificare 8 vittime
Ventimiglia, 14 Ottobre 2020 ore 13:25
Stretti contatti tra l’autorità giudiziaria italiana e quella francese vengono tenuti tramite il Centro di cooperazione di polizia e dogana di Ventimiglia, l’organo bilaterale interforze con sede al valico di Ponte San Luigi, per dare un nome e un volto a otto dei dieci cadaveri recuperati in mare, tra Sanremo e Santo Stefano (Imperia), nei giorni successivi all’alluvione del 2 ottobre scorso, che ha devastato il Ponente della Liguria e il versante francese della val Roya, nell’entroterra di Ventimiglia.

Soltanto due delle dieci salme sono state identificate

Non essendoci dispersi in provincia di Imperia, è quasi certo che i corpi appartengano a francesi trascinati via dalle correnti in Francia, nello specifico in val Roya, dove si è registrato il più alto numero di vittime e dispersi. Dei dieci corpi finora recuperati, uno (trovato sull’argine del fiume Roya) è risultato appartenere a un operaio di 58 anni, Carmelo Alfano; un altro corpo, in avanzato stato di decomposizione, proviene dal cimitero alluvionato di Tenda.

In Francia già identificate cinque vittime

Se negli otto restanti casi ci siano altre salme dissotterrate, non è ancora possibile stabilirlo e sono in corso accertamenti autoptici per accertarlo. Nel frattempo si apprende che in Francia è stata identificata una quinta vittima dell’alluvione, un uomo: David Ravnholt, trovato in mare l’8 ottobre scorso, nei pressi dell’aeroporto di Nizza, strappato via da casa dalla piena di un affluente del fiume Roya, a Col de Brouis (Breil).
Leggi qui le altre notizie
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità