CENSURATO IL POLIZIOTTO CHE MANDA AFF… I MIGRANTI A VENTIMIGLIA/ A UNA MOSTRA DI TORINO

CENSURATO IL POLIZIOTTO CHE MANDA AFF… I MIGRANTI A VENTIMIGLIA/ A UNA MOSTRA DI TORINO
01 Febbraio 2017 ore 17:15

Ventimiglia – “Bastardi, andare a fare in c.”. Molti ricorderanno la frase gridata da un poliziotto, il 5 agosto scorso, ai Balzi Rossi di Ventimiglia, quando circa trecento migranti riuscirono a sfondare il cordone di forze dell’ordine, entrando abusivamente in Francia. Frase che venne registrata da un reporter, facendo finire sotto inchiesta lo stesso poliziotto. Bene, questo audio – assieme a tanti altri – è stato censurato ad una mostra sui migranti, in corso a Torino. Censura avvenuta con il patrocinio dell’ordine e del sindacato dei giornalisti.

Come anticipato dal quotidiano Repubblica, protagonisti sono due reporter torinesi: Stefano Bertolino e Cosimo Caridi, invitati ad esibire un loro video-racconto nella mostra “Exodos”, un’esposizione sull’esodo dei migranti voluta dalla Regione e dall’associazione Allievi del master in giornalismo. Il video raccoglie le immagini dei loro viaggi in Serbia, Macedonia, Grecia, Francia e Italia. Tappa dopo tappa racconta l’esodo di centinaia di migliaia di profughi in fuga dalla Siria e dall’Africa.

“Si dovrebbero sentire i gospel di ringraziamento delle donne nigeriane – spiega il giornalista di Repubblica – salvate nel mare di Lampedusa, le urla di protesta dei siriani intrappolati nella “giungla” di Calais, le minacce dei poliziotti di frontiera di mezza Europa. Invece i tanti visitatori che si fermano davanti a quelle drammatiche immagini nelle sale del Palazzo della Regione possono soltanto guardare, ma non ascoltare”.


Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità