Circoncisione mortale: “santone” condannato a 4 anni

Dalle indagini è emerso che il 'santone' era noto nella comunità nigeriana e che aveva praticato altre circoncisioni clandestine a bambini

Circoncisione mortale: “santone” condannato a 4 anni
Ventimiglia, 16 Ottobre 2019 ore 19:09

Circoncisione

l pm Daniela Pischetola ha chiesto la condanna a otto anni e quattro mesi per Osas Okundaye, il nigeriano di 34 anni accusato di avere effettuato l’intervento di circoncisione che ha causato la morte di un neonato lo scorso 2 aprile a Genova. Per la madre e la nonna del bimbo ha chiesto la condanna a sei anni ciascuna.

I fatti

Okundaye, secondo quanto ricostruito dagli investigatori della squadra mobile genovese, era stato chiamato dalla mamma e dalla nonna del bimbo più volte nel corso della giornata ed era stato informato delle condizioni del piccolo. Nonostante ciò aveva detto alle donne di non chiamare l’ambulanza “perché avrebbero avuto problemi tutti e tre con la giustizia”. L’uomo, dopo essere stato contattato su Facebook, era stato pagato 50 euro, oltre a generi alimentari (olio, patate, birra e whisky).

Aveva praticato la circoncisione con una lametta da barba ed era andato via. Gli agenti della squadra mobile lo avevano arrestato a Ventimiglia. Dalle indagini è emerso che il ‘santone’ era noto nella comunità nigeriana e che aveva praticato altre circoncisioni clandestine a altri bambini compreso suo figlio.

Leggi QUI le altre notizie

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei