Corretto smaltimento dei DPI, ecco l’ordinanza di Taggia

Il Sindaco del Comune di Taggia Mario Conio ha emesso un’ordinanza sindacale che disciplina il corretto smaltimento dei dispositivi di protezione individuale.

Corretto smaltimento dei DPI, ecco l’ordinanza di Taggia
Taggia, 27 Maggio 2020 ore 14:48

Il Sindaco del Comune di Taggia Mario Conio ha emesso un’ordinanza sindacale che disciplina il corretto smaltimento dei dispositivi di protezione individuale.

Cosa prevede il provvedimento:

-che i rifiuti rappresentati da DPI (mascherine, guanti ecc.) utilizzati come prevenzione al contagio da COVID -19, prodotti da utenze domestiche in cui non sono presenti soggetti positivi al tampone, in isolamento o in quarantena obbligatoria, debbano essere conferiti nella frazione di rifiuto urbano indifferenziato (codice EER 200301);
-che i rifiuti costituiti da Dispositivi di Protezione Individuale (DPI), quali mascherine e guanti, utilizzati all’interno di attività economico-produttive per la tutela da COVID-19, siano assimilati ai rifiuti urbani, con attribuzione del codice EER 200301 e conferimento al Gestore del servizio nella frazione di rifiuti indifferenziati;
-che per i rifiuti in argomento dovranno essere utilizzati i sacchetti già in dotazione per l’abituale conferimento dell’indifferenziato, ben sigillati, che dovranno essere conferiti secondo le usuali procedure in vigore sul territorio (esposizione davanti alla porta della propria abitazione, conferimento nelle batterie di cassonetti condominiali o di prossimità);
Le disposizioni contenute nell’ordinanza troveranno applicazione fino alla cessazione dello stato di emergenza sanitaria così come dichiarato con Delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, quindi, allo stato, fino al 31/07/2020.
“Auspico che questa ordinanza – dichiara il Sindaco Conio – consenta il corretto smaltimento di questi presidi sanitari e permetta di evitare l’abbandono incontrollato degli stessi lungo le vie cittadine”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità