Detenuto incendia la cella per protesta, un agente intossicato

Un detenuto marocchino, H.I., di circa 40 anni, ha appiccato il fuoco a coperta, lenzuola e sacchi della spazzatura, della propria cella, verso le 10

Detenuto incendia la cella per protesta, un agente intossicato
15 Maggio 2019 ore 14:48

Incendia la cella

Un detenuto marocchino, H.I., di circa 40 anni, ha appiccato il fuoco a coperta, lenzuola e sacchi della spazzatura, della propria cella, verso le 10, in carcere a Sanremo, per protesta contro il mancato trasferimento di struttura e perché non lo facevano lavorare.

Durante le operazioni di sgombero di sette detenuti delle celle vicine – portati nel cortile dei “passeggi” – un assistente capo della polizia penitenziaria è rimasto intossicato ed è svenuto, dopo aver respirato il fumo. Successivamente è stato portato in ospedale e dimesso con prognosi di 3 giorni,

L’episodio è avvenuto nel reparto isolamento situato al piano terra del carcere di Sanremo, dove il marocchino era stato recluso per motivi di opportunità dati dalla suo carattere violento e della difficoltà di gestione. Secondo quanto riferito da Fabio Pagani, segretario regionale UilPa Penitenzia: “L’incendio ha sprigionato intensi fumi e il personale in servizio ha dovuto provvedere, con non poche difficoltà, a spegnerlo”.

E sul poliziotto avvenuto aggiunge: “Un episodio gravissimo – aggiunge Pagani – che merita una condanna esemplare al protagonista di tale episodio”. Sotto accusa anche il sovraffollamento del penitenziario con 280 detenuti, su una capienza di 232.

Leggi QUI le altre notizie

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei