Droga dalla Spagna a Imperia: arrestati 4 trafficanti

Droga dalla Spagna: 4 persone sono state arrestate, nella serata di ieri, dai carabinieri di Imperia, a margine dell'inchiesta antidroga "Andalusia"

Droga dalla Spagna a Imperia: arrestati 4 trafficanti
Imperia, 24 Ottobre 2018 ore 13:11

Droga dalla Spagna

Quattro persone sono state arrestate, nella serata di ieri, dai carabinieri di Imperia, a margine dell’inchiesta antidroga, battezzata “Andalusia”, che, ieri, a Genova ha portato all’arresto di sedici persone e al sequestro di due tonnellate di droga e di due pistole.

Le indagini, coordinate dal procuratore di Imperia, Alberto Lari, sono iniziate nel gennaio 2018 ed hanno permesso di identificare l’organizzatore, le due staffette e la “coda”, di un traffico di 50 chilogrammi di marijuana e circa due di hascisc, tra la Spagna e il Ponente della Liguria, che il 29 gennaio scorso portò in carcere i due corrieri: Giacomo Masotina, 43 anni e Giuseppe Bancale, 67 anni, di Imperia, catturati alla barriera autostradale di Ventimiglia.

Chi sono gli arrestati

In manette sono finiti: Franco Guastamacchia, 44 anni, di Torino; Lodovico Alessandro Ilio, 39 anni, della provincia di Asti; Francesco Veneziano, 35 anni, di Milano e Simone Zabot, 36 anni, della provincia di Bologna. L’ideatore, organizzatore e finanziatore del traffico era Guastamacchia, che all’epoca si trovava agli arresti domiciliaria, essendo stato arrestato nell’aprile del 2017, a Cervo, in provincia di Imperia, con 360 chilogrammi di hascisc. Gli altri tre facevano parte della staffetta e della “coda” a supporto dell’auto con la droga.

I dettagli

La vettura con il carico, infatti – nel viaggio dalla Spagna verso l’Italia – era preceduta da due auto: una avanti di trenta chilometri, l’altra di circa tre chilometri; e seguita da un altro veicolo, quattro chilometri più indietro, tutti con il compito di segnalare l’eventuale passaggio di forze dell’ordine o la presenza di posti di blocco. Ma non è tutto. Per evitare di essere intercettati, i trafficanti erano anche soliti cambiare la targa ai veicoli. Alcuni degli arrestati pare che avessero legame con personaggi vicini alla ‘ndrangheta di Torino.

IL PROCURATORE ALBERTO LARI

IL COLONNELLO PIER ENRICO BURRI

3 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità