Cronaca

Due donne violentate nel tunnel a Ventimiglia: al via il processo

Si apre, mercoledì 5 febbraio, davanti al tribunale collegiale di Imperia, il processo per violenza sessuale aggravata contro due afghani

Due donne violentate nel tunnel a Ventimiglia: al via il processo
Cronaca Ventimiglia, 01 Febbraio 2019 ore 10:02

Donne

Si apre, martedì 5 febbraio, davanti al tribunale collegiale di Imperia, il processo per violenza sessuale aggravata, che vede sul banco degli imputati due passeur afghani. Uno (Sharai Musakhan, difeso dall'avvocato Marco Noto) è tuttora latitante; l'altro, (Arzabud, difeso dall'avvocato Ramadan Tahiri), è invece stato arrestato dalla polizia e si trova in carcere.

Si tratta di ventiquattrenne, accusato di aver abusato, il 3 dicembre 2017, di due nigeriane all'epoca di 25 anni, all'interno della galleria ferroviaria di frazione Peglia, a Ventimiglia, dove il traffico dei treni era stato sospeso per via di lavori sulla linea.

I fatti

Domenica 3 dicembre, dopo la consumata violenza, le due donne sono uscite di corsa dalla galleria e sono state soccorse da due camionisti, italiano e un ucraino, che hanno allertato le forze dell'ordine e il 118. Il sabato prima i due afghani avrebbero portato in Francia le due nigeriane, in cambio di cento euro ciascuna.

L'epilogo

Una volta oltre confine, tuttavia, si sarebbe bucata una ruota e i quattro sono scappati, ma le due donne sono state intercettate dalla polizia e riportate a Ventimiglia. Il giorno dopo i due afghani le hanno ricontattate, offrendosi di portarle gratuitamente in Francia dalla linea ferrata, ma una volta in galleria sarebbero state violentate.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie