Emergenza alcol e minori a Bordighera: scatta coprifuoco per 3 locali

Il provvedimento è scattato a fronte nota della Prefettura di Imperia e dei Carabinieri, a loro volta intervenuti dietro a una raccolta di firme

Emergenza alcol e minori a Bordighera: scatta coprifuoco per 3 locali
Ventimiglia, 08 Aprile 2019 ore 13:54

Coprifuoco

Il sindaco di Bordighera Vittorio Ingenito ha disposto, con ordinanza, la chiusura anticipata all’una di notte (con riapertura non prima delle 7 del mattino) per il “Bar Night and Day sito”, di via Roma (civico, 5); l’Istanbul Kebap, di via Vittorio Emanuele (civico, 175) e il Ristorante e pub “U Cavetu”, di via F. Rossi (civico, 1), per motivi legati all’abuso di alcol.

Il provvedimento, che è un’appendice all’ordinanza che regola la vendita e la somministrazione di alcolici, è scattato a fronte nota della Prefettura di Imperia e dei Carabinieri della locale compagnia, a loro volta intervenuti dietro a una raccolta di firme. La decisione: “A fronte del pregiudizio ed al disagio già arrecati alla quiete pubblica – è scritto nell’ordinanza – nonché all’intralcio alla pubblica viabilità, determinato dai bivacchi formati dagli avventuri dei locali”.

Così recita la nota della Prefettura di Imperia, emessa il 25 marzo scorso

“In considerazione del perdurare di criticità in alcune aree di Bordighera, con specifico riferimento ad episodi di vandalismo, degrado e disturbo della quiete pubblica prevalentemente correlate all’abuso di alcolici e dalla movida del fine settimana, si sensibilizza il sindaco ai fini dell’adozione delle iniziative di competenza volte ad una rimodulazione degli orari di apertura e di chiusura degli esercizi pubblici e della vendita di bevande alcoliche. Alla luce di un’analisi recentemente effettuata, in proposito, dall’arma dei carabinieri, detti più che città si rilevano, In maniera particolare, all’interno nei pressi delle Istanbul kebab, del bar night and day e del ristorante pub U Cavetu”

Con nota del 26 febbraio scorso, invece, chiedono la chiusura anticipata alle 24 e la riapertura, non prima delle 6. La raccolta, invece, è stata presentata, lo scorso 26 marzo, da parte dei cittadini residenti nelle vie limitrofe dei tre locali che hanno così voluto segnalare: assembramenti, occupazione del suolo pubblico via compresa la carreggiata di marcia dei veicoli.

L’ordinanza che regola vendita e somministrazione di alcolici

Per gli esercizi di vicinato o misti, media e grande struttura, laboratori artigianali presenti su tutto il territorio della città, scatta il divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche di qualunque gradazione, effettuata anche attraverso distributori automatici, dalle 22 alle 7, fino al 29 settembre 2019.

E poi, per gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande presenti su tutto i territorio il divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche di qualunque gradazione dalle 22 alle 7, fino al 29 settembre 2019. In piazza Eroi della Libertà, via Roma, corso Italia, all’interno e davanti al Palazzo del Parco (via Vittorio Emanuele fra via Roma e via S. Antonio), nell’area della Pineta – zona Marabuto, Spianata del Capo, belvedere del Carillon, in via Libertà, presso tutti i giardini pubblici e nelle spiagge, la rotonda di Sant’Ampelio e zone limitrofe e tutto il Lungomare, il divieto di detenere in qualunque contenitore e di consumare bevande alcoliche di qualunque gradazione, con esclusione del consumo effettuato all’interno dei pubblici esercizi autorizzati alla somministrazione, rispettando i limiti normativi imposti.

Leggi QUI le altre notizie