Cronaca
Incendio di Arma

Il messaggio degli armesi per Eliana "Perdonaci"

Un cartello e un mazzo di fiori sulle ceneri del rogo in cui ha perso la vita la 53enne disabile

Il messaggio degli armesi per Eliana "Perdonaci"
Cronaca Taggia, 20 Ottobre 2022 ore 17:33

Lo choc per la morte violenta di Eliana Crema, disabile 53enne, è ancora forte nella frazione balneare di Arma di Taggia.

Il messaggio per Eliana "Perdonaci"

La donna è morta insieme al suo cagnolino, venerdì scorso, nel rogo del camper in cui viveva, nel parcheggio adiacente alla pista ciclabile, nel cuore di Arma di Taggia.  Le fiamme hanno avviluppato il mezzo in pochi minuti, inutile il sopraggiungere die soccorsi: praticamente tutta la città ha assistito impotente alla tragedia. Sul luogo del dramma, sulla carcassa della sedia a rotelle su cui Eliana era costretta, alcuni cittadini hanno affisso un cartello e deposto un mazzo di fiori. "Perdonaci -recita il messaggio- non siamo riusciti ad aiutarti". 

"Eliana non aveva mai richiesto un alloggio"

Eliana viveva da sola, in condizioni di indigenza, e la sua tragica fine ha suscitato un coro di indignazione tra gli abitanti di Arma di Taggia e da parte del Consigliere di opposizione Giuseppe Lo Iacono (L'Alternativa), che aveva conosciuto Eliana a margine della sua attività di volontariato presso il "Banco Alimentare". Per chiarire l'aspetto sociale della vicenda, nei giorni scorsi il sindaco di Taggia, Mario Conio,  che era giunto al parcheggio insieme ai soccorsi, venerdì' scorso, aveva battuto un post su FB per chiarire la posizione dell'ufficio servizi sociali in merito alla triste vicenda.

«La drammatica vicenda nella quale ha perso la vita la sig. Eliana Crema ha sconvolto la nostra comunità -scriveva il sindaco-. Un evento triste e che umanamente ci ha coinvolti. È doveroso, però, fare alcune precisazioni a seguito di alcune dichiarazioni del consigliere comunale Giuseppe Lo Iacono, pubblicate sui giornali. La sig. Crema nel corso degli anni ha avuto saltuari contatti con i Servizi Sociali. La stessa, per propria volontà, non ha mai aderito ai percorsi di assistenza proposti. Né ha mai richiesto un alloggio

Oggi le esequie a Taggia

Il comune si era anche detto disponibile per farsi carico delle esequie nel caso in cui la figlia - rintracciata all'estero dall'ufficio Servizi Sociali di Taggia- non avesse i mezzi per proseguire. La donna era presente, questa mattina ai funerali della madre, celebrati dal vescovo della diocesi di Ventimiglia e Sanremo, Monsignor Antonio Suetta, nel cimitero cittadino.

Un tragico incidente

Le indagini per accertare le cause del rogo sono affidate ai Carabinieri della stazione locale, intervenuti insieme al personale sanitario e ai Vigili del Fuoco i giorno della tragedia. Stando alle ultime informazioni, gli inquirenti propendono per la causa accidentale, escludendo il dolo dalla tragica vicenda. Probabilmente a scatenare le fiamme è stato un cortocircuito di un elettrodomestico. Sulla salma di Eliana, nei giorni scorsi, è stato eseguito l'esame autoptico.
Davide Izetta

 

 

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie