Imperia, installazione vasche per l’itticoltura: la precisazione del Comune

La precisazione dell'amministrazione comunale in merito all'ipotesi di installazione di vasche per l'itticoltura a 1.400 metri al largo di Capo Berta.

Imperia, installazione vasche per l’itticoltura: la precisazione del Comune
Imperia, 13 Febbraio 2020 ore 18:17

Le precisazioni dell’Amministrazione Comunale

In merito all’ipotesi di installazione di vasche per l’itticoltura a 1.400 metri al largo di Capo Berta, l’amministrazione comunale precisa quanto segue:

-l’atto formale di concessione alla società Aquarius, per la realizzazione di 12 vasche, risale al 2008 e fu rilasciato a seguito del parere positivo di Regione Liguria, Agenzia del Demanio, Capitaneria di Porto, Istitituto Idrografico della Marina, Sovrintendenza archeologica della Liguria e Dipartimento Militare Marittimo dell’Alto Tirreno;

-nel 2017 il Comune di Imperia ha dato avvio alla procedura di decadenza della concessione per la mancata esecuzione dei lavori, che si fermò a seguito di una nota del Commissario Giudiziale e Liquidatore della società Aquarius, nel frattempo interessata da procedura di concordato preventivo;

-nel febbraio 2018 il Comune di Imperia ha autorizzato il sub ingresso nella concessione da parte della società Aqua, non esercitando l’opzione di diniego prevista dall’art. 30 del Regolamento del Codice della Navigazione;

-nell’aprile 2019 la società Aqua ha presentato una richiesta di riduzione del numero di vasche da 12 a 8, con parere favorevole da parte di Capitaneria di Porto e Regione Liguria – VIA.

Detto questo, l’Amministrazione Comunale nulla ha deciso in merito, salvo ascoltare i proponenti. Il sindaco Claudio Scajola si farà promotore, già nei prossimi giorni, di un incontro aperto a tutti i soggetti coinvolti nell’espressione dei pareri, utile a una valutazione complessiva sul tema e alle conseguenti decisioni.

Dai una mano a
Sono ormai settimane che i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano senza sosta per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio.
Tutto questo gratuitamente, senza chiedere nulla in cambio.
Viviamo di pubblicità. Una risorsa che è venuta a mancare nelle ultime settimane a causa delle conseguenze dell'emergenza CoronaVirus.
Per questo ci rivolgiamo a te. Ti chiediamo di sostenere il tuo quotidiano online con un contributo volontario.
Ci aiuterà a superare questo momento, continuando a informarti.
Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei