VENTIMIGLIA

Lockdown, scuola e disabili: le riflessioni di Luciano Codarri e Giuseppe Trucchi

"Questi bambini e ragazzi che frequentavano la scuola con l'aiuto di  insegnanti di sostegno ed educatori sono da alcuni mesi a casa"

Lockdown, scuola e  disabili: le riflessioni di Luciano Codarri e Giuseppe Trucchi
Ventimiglia, 28 Maggio 2020 ore 16:27

Disabili

Durante questi mesi di lockdown, resi indispensabili dalla drammatica  pandemia legata al coronavirus, e ancora attualmente i nostri ragazzi e i
nostri bambini hanno dovuto rinunciare alla frequenza delle attività  scolastiche con tutto quello che ciò comporta in termini di  apprendimento ma ancor di più in termini di socializzazione ed affettività.
Le scuole italiane hanno messo in campo un grande impegno per attivare percorsi di insegnamento a distanza che certamente hanno ottenuto alcuni buoni risultati ma inevitabilmente non assimilabili a quanto possa essere ricavato da una normale frequenza. In particolare alcune categorie di bambini hanno faticato ad adeguarsi alle nuove modalità di insegnamento e ci riferiamo ai bambini di età più tenera.
Insieme a loro le famiglie hanno dovuto riorganizzare la vita quotidiana a volte con sacrifici veramente pesanti. I minori che però più di tutti sono stati colpiti sono stati certamente quelli portatori di disabilità. Vogliamo dare brevemente alcuni dati relativi agli alunni frequentanti la scuola dell’infanzia e i cicli delle scuole elementari e medie portatori di handicap nel nostro Distretto di Ventimiglia Vallecrosia Bordighera e vallate. Parliamo di 262 minori ai quali è stata riconosciuta la attestazione di disabilità ai sensi della legge 104,dei quali 160 con disabilità più lieve e 102 con disabilità più grave.
Questi bambini e ragazzi che frequentavano la scuola con l’aiuto di  insegnanti di sostegno ed educatori sono da alcuni mesi a casa, non  riescono salvo rare eccezioni a sfruttare l’insegnamento a distanza e  impegnano giornalmente sul piano concreto e anche sul piano emotivo le loro famiglie. Riteniamo doveroso e urgente che gli enti locali che si apprestano ad organizzare per Giugno centri e scuole estive si attrezzino per
accogliere anche i minori con disabilità dotandosi dell’idoneo personale di assistenza.
In attesa che riaprano le scuole pare assolutamente urgente prendere in considerazione le loro esigenze.Sarebbe molto utile che le famiglie si facessero parte attiva per portare a conoscenza dei Comuni le loro necessità proponendo eventualmente modalità collaborative concordate e concrete. La Scuola di Pace è a disposizione per collaborare e favorire iniziative delle famiglie.
Luciano Codarri Scuola di Pace
Giuseppe Trucchi   Neuropsichiatra Infantile
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità