L’ombra della bega familiare dietro la fobia #Coronavirus di Diano Marina

Ci potrebbe essere una bega familiare dietro il caso del cinese che ha chiesto di essere sottoposto agli accertamenti dell'Asl

L’ombra della bega familiare dietro la fobia #Coronavirus di Diano Marina
Golfo Dianese, 22 Febbraio 2020 ore 11:25

Diano Marina

Ci potrebbe essere una bega familiare dietro il caso del cinese, di 30 anni, che tornato una ventina di giorni fa dal proprio Paese ha chiesto di essere sottoposto agli accertamenti dell’Asl. A quanto si apprende, l’uomo, che vive ad Alassio, si sarebbe recato a Diano Marina per incontrare la famiglia che vive nella cittadina degli Aranci.

Tuttavia, la moglie, sapendo che l’uomo è tornato dalla Cina, senza aver sostenuto alcun controllo gli avrebbe impedito di vedere i figli, scatenando tutte le conseguenze del caso.

Pare che presentasse stato febbrile e alcuni sintomi respiratori. Nelle prossime ore verranno effettuati gli esami del caso. Il nucleo familiare dell’uomo, composto dalla moglie e due bambini, non presenta sintomi e si trova al momento al domicilio. Il cinese è ricoverato presso il reparto di Malattie Infettive dell’ospedale di Sanremo.

Leggi QUI le altre notizie

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei