Cronaca
nessuno vuole pagare il funerale

L'omicida del gioielliere di Sanremo da oltre due mesi attende sepoltura: due comuni litigano

Il caso paradossale di Mario Bonturi, che due anni fa uccise a martellate Luciano Amoretti. Il malore in carcere, poi la morte

L'omicida del gioielliere di Sanremo da oltre due mesi attende sepoltura: due comuni litigano
Cronaca Sanremo, 16 Marzo 2022 ore 13:11

Mario Bonturi, reo confesso dell’omicidio dell’orafo di Sanremo Luciano Amoretti, è morto ai primi di gennaio ma i Comuni di Canelli (dov'era residente) e Rozzano (dove è morto in Ospedale, portato dal carcere di Opera) non si mettono d’accordo sul “funerale di povertà”, così da oltre due mesi Bonturi, come riportano i colleghi della Nuova Provincia di Asti è in una cella frigorifera a Milano in attesa delle esequie.

L'omicidio di Amoretti nell'agosto di due anni fa a Sanremo

Lui è Mario Bonturi, l’uomo di 65 anni reo confesso dell’omicidio di Luciano Amoretti, orafo di Sanremo, ucciso nel suo appartamento nell’agosto del 2020.
Bonturi, dopo un primo periodo di carcerazione ad Alessandria, era stato poi trasferito al carcere milanese di Opera; lì le sue condizioni di salute, già precarie, sono peggiorate e l’uomo, dopo qualche giorno di degenza all’ospedale di Rozzano, comune dell’hinterland milanese, il 10 gennaio, è deceduto.
Il nullaosta della Procura per i funerali è arrivato la settimana successiva, dopo l’esito dell’autopsia ma si è aperto il “capitolo funerali”.

Nessun parente ne ha reclamato la salma

Bonturi non ha parenti che abbiano reclamato la sua salma e, in questi casi, è lo Stato che si occupa di dargli sepoltura con i cosiddetti “funerali di povertà”.
La legge prevede che a farsene carico sia il Comune di residenza, in questo caso Canelli. Proprio quest’ultima amministrazione, dopo una serie di contatti con Rozzano, ha proposto al comune milanese di provvedere all’inumazione nel loro cimitero comunale e di addossarsi però il costo delle esequie. Ma Rozzano ha rifiutato la proposta perché il suo regolamento di polizia mortuaria prevede il funerale di povertà solo per i residenti. Neanche a fronte del risarcimento delle spese da parte di un altro comune.
E la determinazione dell’amministrazione milanese è ancor più fondata dal fatto che da qualche giorno la salma di Bonturi non è più neppure sul suo territorio. Dopo diverse settimane di “sosta” alla camera mortuaria dell’ospedale di Rozzano, è stata trasferita all’obitorio di Milano.
Ed è lì che, a meno di una marcia indietro del Comune di Rozzano, il comune di Canelli dovrà andarla a prendere per riportarla in terra astigiana e darle sepoltura.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie