Cronaca
SCARICA L'OPUSCOLO

Ludopatia: 112 pazienti in cura nel 2020 in provincia di Imperia col progetto "Giochiamocela Bene"

Sono 112 i ludopatici, che nel 2020 hanno partecipato al progetto di recupero dell'Asl 1 Imperiese "Giochiamocela Bene"

Ludopatia: 112 pazienti in cura nel 2020 in provincia di Imperia col progetto "Giochiamocela Bene"
Cronaca Sanremo, 24 Giugno 2021 ore 14:42

Nel 2020 sono stati trattati 112 pazienti

Sono 112 i ludopatici della provincia di Imperia, che nel 2020 hanno partecipato al progetto di recupero dell'Asl 1 Imperiese "Giochiamocela Bene", che si è concretizzato con azioni di cura e di prevenzione al gioco patologico d’azzardo. Il dato è emerso, stamani, alla presentazione dei risultati del progetto, che si è tenuta nell'auditorium di Villa Spinola, a Bussana di Sanremo, sede della direzione sanitaria. In particolare si tratta di 84 maschi e 28 femmine. Di questi i nuovi pazienti in carico sono 35.

“La ludopatia – ha affermato il Direttore Generale di Asl 1 Silvio Falco – è una piaga dei nostri tempi e pertanto va contrastata con ogni mezzo. Questa iniziativa che vede Asl 1 protagonista assieme ad altre realtà si pone l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione su questo delicato tema e di prevenire questo fenomeno che colpisce ogni fascia d’età”. Ad aprire la relazione del progetto è stato il dottor Giancarlo Ardissone, direttore del Dipartimento Integrato Salute Mentale e Dipendenze di Sanremo: "Il progetto, che ha preso avvio nel 2019 rientra tra le azioni previste all’interno del Piano regionale gioco d’azzardo patologico promosso da Regione Liguria. In Italia il gioco d’azzardo rappresenta, per diffusione, la prima dipendenza senza sostanza e coinvolge soggetti di ogni età".

Ed ha aggiunto: "Il gioco d’azzardo non è semplicemente riconducibile a un uso sregolato di slot machine e videolottery in tabacchini e nei Bar o nelle sale da gioco. E' un fenomeno che si è diffuso oramai a livello capillare anche online, dove con uno smartphone e con carta di credito è possibile accedere a numerosissimi siti web in cui è possibile giocare d’azzardo". Nel corso dell'incontro è emerso pure che i dati del 2021 comprendono, tra le forme di gioco d’azzardo anche i videogiochi gratuiti nei quali, da un sito o un’applicazione su computer, dispositivi mobili, tablet o social network, è possibile pagare per avanzare di livello.

"Le rilevazioni degli ultimi anni mostrano come il gioco patologico d’azzardo abbia subito un significativo incremento tra i giovani - ha dichiarato Marco Boeri, direttore del centro di Solidarietà l'Ancora, che partecipa al progetto - con un aumento di circa il 39 per cento rispetto agli anni precedenti unitamente al fatto che circa il 30 per cento dei ragazzi, tra i 14 ed i 17 anni, dichiara di essersi avvicinato almeno una volta al gioco". I dati parlano chiaro: in Liguria, in base ai rilevamenti del 2019, il gioco d’azzardo è un fenomeno in crescita (+ 38 per cento in base al 2018) con una media di 1.380 euro che un cittadino Ligure impiega nel gioco. La raccolta procapite nelle province della Liguria è stata: Genova 1.330 euro, Savona 1.652 euro, La Spezia 1.471 euro, Imperia 1.132 euro.

Il progetto dura due anni e costa 150mila euro all'anno.

I dati durante la pandemia

Gli studi dell’ISS mostrano una situazione altalenante durante la pandemia, di Covid-19. Si è registrata una decrescita del gioco d’azzardo (sia terrestre che virtuale) durante i mesi di lockdown (-9,7% rispetto alla media nazionale) ed un incremento significativo nei periodi di restrizioni parziali ( + 18% rispetto alla media nazionale). L’1,1% del campione analizzato dichiara di aver iniziato a giocare d’azzardo durante il periodo della pandemia, mentre i giocatori abituali hanno dichiarato di aver incrementato il loro tempo di gioco.

Come si concretizza il progetto

Il progetto “Giochiamocela Bene” promosso da Asl 1 Dipartimento Integrato Salute Mentale e Dipendenze di Sanremo (responsabile Dott. Ardissone) prevede lo svolgimento di differenti azioni che coinvolgono sia l’Asl 1 Imperiese sia Enti del Terzo Settore della provincia di Imperia. Infatti all’interno della programmazione sono coinvolte la Centro di Solidarietà l’Ancora che realizza azioni di cura e di terapia, su tutto il territorio della provincia di Imperia a sostegno di giocatori e dei loro familiari, e l’Associazione Aps Effetto Farfalla che realizza attività di preven-zione per giovani e di sostegno alla popolazione adulta al fine di diffondere, non solo strumenti di conoscenza sul tema, ma anche elementi di consapevolezza per genitori ed insegnanti.

Scarica QUI l'opuscolo con i dati in pdf

1 foto Sfoglia la gallery
Necrologie