Macchinista scorda di fermare il treno in stazione a Imperia

Non è la prima volta che succede e stamattina, di nuovo, il treno regionale partito da Ventimiglia e diretto a Savona ha "saltato" la fermata alla stazione di Imperia.Macchinista scorda di fermare il treno e rischia una sanzione disciplinare

Macchinista scorda di fermare il treno in stazione a Imperia
Imperia, 09 Marzo 2019 ore 17:37

Non è la prima volta che succede e stamattina, di nuovo, il treno regionale partito da Ventimiglia e diretto a Savona ha “saltato” la fermata alla stazione di Imperia per una dimenticanza del macchinnista.

Macchinista scorda di fermare il treno e rischia una sanzione disciplinare

Il treno regionale partito da Ventimiglia e diretto a Savona quest mattina ha “saltato” la fermata alla stazione di Imperia provocando l’indignazione dei passeggeri in attesa sulla banchina (LEGGI QUI). Circa una decina di persone, tra quelle che aspettavano di salire e quelle che dovevano scendere nel capoluogo di provincia sono rimaste coinvolte. Il treno ha proseguito la corsa fino a Diano Marina, dove si è fermato e dove sono potute scendere le persone che sarebbero dovute arrivare a Imperia e che hanno trovato una coincidenza 10 minuti più tardi per rientrare. Le persone che, invece, sono rimaste sbigottite sul binario a Imperia hanno dovuto attendere altri 20 minuti per il treno successivo in direzione Savona.

Per questo errore, che secondo Trenitalia è stato del macchinista, è stata aperta un’indagine interna. La dimenticanza del macchinista potrebbe essere dipesa da una distrazione oppure dimenticanza: il dipendente di Trenitalia potrebbe essere stato “colto alla sprovvista” subito l’uscita dalla galleria e non aver avuto il tempo di frenare in stazione.  Il dipendente di Trenitalia rischia un richiamo o una sanzione disciplinare. Trenitalia assicura che nonn ci sono stati problemi di sicurezza dovuti all’anticipo con cui il treno viaggiava sul binario in direzione Diano Marina.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità