Cronaca
COMMEMORAZIONE A PONTE SAN LUDOVICO

Manifestanti cantano "Ventimiglia tu sei maledetta" per ricordare afgano morto su A10

I manifestanti hanno posato mazzi di fiori e lumini, accanto all’opera “Terzo Paradiso” del Pistoletto; quindi si sono messi in cerchio

Manifestanti cantano "Ventimiglia tu sei maledetta" per ricordare afgano morto su A10
Cronaca Ventimiglia, 13 Novembre 2022 ore 13:00

Per ricordare Ahmed i manifestanti cantano "Ventimiglia tu sei maledetta"

Una quarantina di attivisti di Amnesty e del mondo dell’associazionismo, tra cui alcuni stranieri, si sono ritrovati stamani al valico di Ponte San Ludovico, a Ventimiglia, per ricordare Ahmed Safi, 19 anni, il migrante afgano che, il 7 novembre scorso, è morto sull’A10, alla barriera di Ventimiglia, mentre cercava di raggiungere a piedi la Francia. Sceso da un tir in corsa, ha attraversato la carreggiata, in galleria, e dopo essere stato urtato da due auto, un tir lo ha trascinato per oltre cinquecento metri, lasciando il suo corpo dilaniato tra i caselli.

I manifestanti hanno posato mazzi di fiori e lumini, accanto all’opera “Terzo Paradiso” del Pistoletto; quindi si sono messi in cerchio ed hanno letto un saluto ad Ahmed in italiano, francese e inglese. Quindi hanno intonato una canzone intitolata “Ventimiglia tu sei maledetta”.

Il testo della canzone

“La mattina del 30 settembre si muovevano le truppe italiane Ventimiglia le terre lontane e dolente ognun si partì/ sotto il sole che batteva rovente si bloccavano i confini vicini, e dai monti colline e gran valli si partiva dicendo così:/ Ventimiglia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza, dolorosa ci fu la partenza è il ritorno una scelta, non fu/O vigliacchi, voi ve ne restate con le scarpe sui letti di lana schernitori di noi carne umana, questa guerra ci insegna a partir./Voi chiamate democrazia questa terra dai confini qui si muore gridando assassini”.

A prendere subito la parola, nel corso della commemorazione è stata Maria Giulia Latini del “Gruppo 73”, di Amnesty: “Siamo qui per Ahmed l’ultima vittima, purtroppo, di quanti tentato di passare il confine. Questo è il luogo, dove ci riuniamo sempre ogni anno per la giornata del rifugiato. Amnesty è sempre polarizzata su questo enorme problema che dà tanto dolore e purtroppo lede i diritti umani fondamentali di queste persone”.

Alcuni attivisti hanno mostrato il cartello con su scritto: “Percorsi sicuri e legali”

Per evitare queste morti che sono orribili e non devono accadere - ancora Latini -. Ci dev’essere una presa di coscienza da parte di tutte le nazioni, bisognerà agire su Dublino. Tantissime regole  devono essere messe in atto, perché queste morti e tragedie dei migranti siano fermate”.

Nel corso della cerimonia è intervenuto anche uno dei tanti stranieri fermi al confine, che rivolgendosi ai media ha affermato: “Ho moglie, casa e famiglia. Vi siete chiesti perché siamo qui, perché siamo immigrati e chi ha creato l’immigrazione?”. Dando la colpa alla crisi crisi in Africa, ha aggiunto: “Chiedetelo ai politici. Non sono certo contento di essere qui, mi manca la famiglia”. Presente alla manifestazione anche Dantilio bruno dell’Anpi di Ventimiglia.

Fabrizio Tenerelli

ahmed safi frontiera migranti ponte san ludovico amnesty international deposto fiori11
Foto 1 di 6
ahmed safi frontiera migranti ponte san ludovico amnesty international deposto fiori_03
Foto 2 di 6
ahmed safi frontiera migranti ponte san ludovico amnesty international deposto fiori
Foto 3 di 6
ahmed safi frontiera migranti ponte san ludovico amnesty international deposto fiori_03
Foto 4 di 6
ahmed safi frontiera migranti ponte san ludovico amnesty international deposto fiori_03 33
Foto 5 di 6
ahmed safi frontiera migranti ponte san ludovico amnesty international deposto fiori_02
Foto 6 di 6
Seguici sui nostri canali
Necrologie