Menu
Cerca
La disavventura di una insegnante

"Mi chiamano per il vaccino ma non c'è nessuno. Il motivo: poche prenotazioni e hanno annullato il giorno"

La donna non è ancora riuscita a fare il vaccino, prima perchè bloccate le somministrazioni di AstraZeneca e poi perchè, nonostante l'appuntamento dato, è stato annullato a sua insaputa. 

"Mi chiamano per il vaccino ma non c'è nessuno. Il motivo: poche prenotazioni e hanno annullato il giorno"
Cronaca Sanremo, 29 Marzo 2021 ore 15:03

La disavventura di una insegnante sanremese

La storia raccontata da Rita Cirillo, insegnante sanremese. La donna non è ancora riuscita a fare il vaccino, prima perchè bloccate le somministrazioni di AstraZeneca e poi perchè, nonostante l'appuntamento dato, è stato annullato a sua insaputa.

Ecco la storia raccontata dalla protagonista

"Buongiorno,

sono un'insegnante di Sanremo, di quelli che stanno facendo lezione in presenza, ho 62 anni e vorrei raccontare la mia esperienza.

All'inizio ci hanno detto che avremmo potuto prenotare la vaccinazione sull'apposito sito, ma in realtà il sito accetta solo gli ultraottantenni.

Poi ci hanno detto che avremmo potuto prenotare attraverso il nostro medico di base, ma solo pochi ci sono riusciti, molti medici, tra cui il mio e quelli di altri colleghi, ci hanno risposto che non era compito loro e che saremmo stati contattati dall'Asl.

Questa volta è vero e infatti il 15 marzo mi fissano un appuntamento per domenica 21 alla stazione nuova di Taggia. Perchè non al Palafiori a Sanremo? Non si può. Pazienza, prenderò la macchina.

Poche ore dopo arriva però la notizia che Astra Zeneca è stato bloccato, il 18 viene ufficialmente sbloccato, ma la mia vaccinazione viene comunque rimandata (attraverso una mail alla scuola) alla domenica successiva, 28 marzo, stesso orario.

Era ieri: mi reco alla Stazione, ma le aree per i vaccini sono chiuse, non c'è un cartello, nessuno a cui chiedere informazioni, i numeri verdi sono attivi solo dal lunedì al venerdì, il numero di Genova da cui mi avevano chiamato per la prenotazione non risponde e all'Asl 1 risponde un centralinista che non sa niente e che, se si insiste molto, passa a un interno che suona a vuoto. Dopo un po' arrivano altre due insegnanti nella mia stessa situazione, anche loro cercano in tutti i modi di capire cosa è successo, ma il risultato è lo stesso. Ce ne torniamo a casa deluse , arrabbiate per come siamo state trattate e anche preoccupate, perché stiamo facendo lezione in presenza e il rischio di ammalarci è sempre presente. Ma cosa sarà successo? E possibile che non ci sia un numero a cui rivolgersi? Eppure, proprio per la sanità, paghiamo un'addizionale regionale piuttosto salata. Si parla di dosi sprecate da chi non si presenta e non avvisa, ma vi assicuro che avvisare sarebbe impossibile.

Questa mattina finalmente riesco a parlare con l'Asl1ed ecco la spiegazione: dato che per domenica avevano poche prenotazioni hanno deciso di vaccinare solo il sabato, avrei dovuto essere stata contattata... No? Mah, non avranno avuto il mio numero di telefono o non mi avranno trovata (è un cellulare! Caso mai avrei visto la chiamata). E allora? Mi chiameranno.

Non riesco a crederci! Chi è il responsabile di questa organizzazione? Se avevano poche prenotazioni, invece di chiudere, la cosa logica da fare non sarebbe stata contattare altri insegnanti e vaccinarli? Parecchi dei miei colleghi non hanno ancora neanche l'appuntamento. C'è una pandemia in corso, da ormai un anno dobbiamo tutti sottostare a regole che limitano la nostra libertà e stanno mettendo in ginocchio l'economia, la situazione nel Ponente ligure è grave, regolarmente intere classi finiscono in quarantena, bisogna vaccinare il più in fretta possibile, fermare i contagi… eppure domenica, dato che c'erano dei posti liberi, si è scelto di chiudere il centro vaccinazioni. Mi piacerebbe sapere chi l'ha deciso.

Intanto io continuo ad andare a scuola e speriamo in bene"

Necrologie