Cronaca
L'EMERGENZA UMANITARIA CONTINUA

Migranti in autostrada: boom di segnalazioni nella notte a Ventimiglia

Aumentano i flussi migratori alla frontiera italo-francese di Ventimiglia. Lo testimoniano crescenti segnalazioni di stranieri alla barriera

Migranti in autostrada: boom di segnalazioni nella notte a Ventimiglia
Cronaca Ventimiglia, 30 Agosto 2022 ore 11:23

Notte intensa di lavoro per gli agenti della polizia stradale

Aumentano i flussi migratori alla frontiera italo-francese di Ventimiglia. Lo testimoniano crescenti segnalazioni di stranieri alla barriera autostradale dell’A10, in attesa di salire clandestinamente su qualche rimorchio diretto oltreconfine o di proseguire a piedi verso la Francia. Quella appena trascorsa, infatti, è stata una notte intensa per la polizia stradale di Imperia, che più volte è stata chiamata per una serie di avvistamenti.

Premesso che il numero di segnalazioni cresce in concomitanza con i nuovi sbarchi

il modus operandi è sempre lo stesso. Il passeur di turno accompagna piccoli gruppi di stranieri (di dieci o quindici persone) alla barriera autostradale, risalendo alcune piccole scarpate, che conducono direttamente al casello. A quel punto aspetta, che si fermi un mezzo pesante - anche se è stato disposto il divieto di fermata, proprio per evitare queste evenienze - forzando il portellone posteriore.

Una volta fatti entrare gli stranieri - in passato sono stati stipati addirittura nello spazio ricavato sotto la pancia del rimorchio, dove vengono sistemati i bancali in legno - il passeur chiude il portellone e si allontana. Naturalmente, il camionista è ignaro di qualsiasi movimento e spesso si accorge della loro presenza, al momento di aprire il rimorchio. Un tempo questo accadeva nel piazzale dell’autoporto, prima dell’ingresso in A10, ma spesso capitava che i migranti salissero sul tir sbagliato, che anziché dirigersi in Francia, li allontanava ancora di più dalla frontiera, portandoli verso Savona o Genova.

Fabrizio Tenerelli

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie