Cronaca
VENTIMIGLIA

Migranti: proteggi la tua vita, la campagna informativa di Sncf sui pericoli della ferrovia

Si tratta di volantini, bicchieri di carta, ma anche mazzi di carte da gioco, distribuiti alla Caritas di Ventimiglia e altri luoghi

Migranti: proteggi la tua vita, la campagna informativa di Sncf sui pericoli della ferrovia
Cronaca Ventimiglia, 08 Dicembre 2022 ore 19:22

Una campagna informativa è stata varata da Sncf, l’azienda dei trasporti francesi su rotaie, per spiegare ai migranti che usano impropriamente il treno o la ferrovia per espatriare abusivamente in Francia, che mettono a repentaglio la propria vita. Si tratta di volantini, bicchieri di carta, ma anche mazzi di carte da gioco, che sono stati distribuiti alla Caritas di Ventimiglia e in altri luoghi frequentati da stranieri.

I messaggi sono scritti in francese, inglese, arabo e anche in lingua etiope

vista la presenza di numerosi eritrei. I cartelli invitano a non salire sul tettuccio dei vagoni per non restare folgorati, ma anche a non saltare sul treno in corsa o camminare sulla ferrovia. Le avvertenze sono accompagnati da disegni. Così come sulle carte da gioco, dove le figure (re, regina e fante) sono sostituite da alcuni segnali di pericolo.

Il problema di chi sale sul tetto dei vagoni

ad esempio dei treni regionali (e tante sono le vittime), è dato anche dal fatto che se lo straniero si aggrappa al pantografo in Italia, dove la corrente è continua, resta subito folgorato; mentre in Francia ha più possibilità di salvarsi, perché la corrente è alternata. Purtroppo, però, la maggior parte sale alla stazione di Ventimiglia. Tra l’altro, molti migranti salgono sul tettuccio delle carrozze, convinti che, così come avviene nel loro Paese, i treni sono alimentati a gasolio. Non sanno, invece, che vanno a energia elettrica.

Fabrizio Tenerelli

campagna esplicativa treni migranti sncf
Foto 1 di 3
campagna esplicativa treni migranti sncf_03
Foto 2 di 3
campagna esplicativa treni migranti sncf_02
Foto 3 di 3
Seguici sui nostri canali
Necrologie