Cronaca
IL RICORDO

Morta la storica attivista no border Teresa Maffeis

E' morta la storica attivista dei no border francesi, Teresa Maffeis, 72 anni, nata in Francia ma con i genitori originari di Bergamo

Morta la storica attivista no border Teresa Maffeis
Cronaca 04 Febbraio 2022 ore 17:34

Addio alla storica no border italo-francese Teresa Maffeis

E' morta la storica attivista dei no border francesi, Teresa Maffeis, 72 anni, nata in Francia ma con i genitori originari di Bergamo. A comunicarlo è l’avvocato di Sanremo Ersilia Ferrante. “Una bruttissima notizia - afferma - ci ha lasciato Teresa Maffeis, la generosa dama verde, da Nizza spesso a Ventimiglia per aiutare i migranti. E non poteva essere diversamente, figlia di italiani antifascisti emigrati in Francia durante il ventennio. È morta per problemi cardiaci. Chi usa troppo il cuore lo consuma”.

Il ricordo di chi la conosceva

La notizia è presto rimbalzata sui social. decine le testimonianze di affetto. "Grande donna: coraggiosa, appassionata, gioiosa e coinvolgente, generosa e instancabile. La notizia mi rattrista molto. Moltissimo", così la ricorda Susanna. "I migranti sono sempre più soli", afferma un altro conoscente. E poi. "Conosciuta alla distribuzione, ti renderemo onore", afferma Filippo e Rosella: "L'ho saputo dalla figlia, non riesco ancora a crederci. Che dolore”. Teresa era sempre presente nelle manifestazioni dei no border, al confine di Ventimiglia ed anche alle udienze in supporto degli attivisti, sia italiani che francesi, finiti sotto processo, alcuni anche con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Come è riportato in una intervista al quotidiano Avvenire del 23 giugno 2020: "In cerca di lavoro (i genitori, ndr) fuggono dalla miseria del dopoguerra per stabilirsi a Orléans, nel dipartimento del Loiret. Il padre dipinge i vagoni ferroviari della Sncf, la madre si occupa dei sei figli. 'Vivevamo in un garage. Il razzismo l’abbiamo vissuto doppiamente, perché eravamo italiani e anche perché eravamo poveri' (...) Descrive quel padre, che una volta arrivato in Francia è diventato taciturno. E quei vicini, che lo denunciavano quando talvolta usciva di sera per lavorare in nero. Questo sguardo degli altri, pungente e umiliante, Teresa non può scordarlo".

Curiosità: amava vestirsi sempre di verde ed era molto facile riconoscerla durante le manifestazioni.

1 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie