Cronaca

Nuova motovedetta in dotazione alla Capitaneria di Imperia - Le foto

Inaffondabile e studiata per salvataggi tra le onde. Ecco i dettagli

Nuova motovedetta in dotazione alla Capitaneria di Imperia - Le foto
Cronaca Imperia, 29 Giugno 2018 ore 15:39

Nuova motovedetta in dotazione alla Capitaneria di Imperia - Le foto

Una nuova motovedetta entra a far parte dei mezzi di soccorso della Capitaneria di Porto di Imperia.Nella mattinata odierna, alla presenza dell’equipaggio imbarcato, don Lucio Fabbris parroco del Duomo di Imperia Porto Maurizio, ha officiato la cerimonia della benedizione della nuova motovedetta della classe “Valentine” CP 882 - unità
ogni tempo.

Concepita per le attività di soccorso “search and rescue”, con una autonomia di 180 miglia e una velocita massima di 35 nodi, consente di raggiungere il punto di intervento nel minore tempo possibile e di poter operare in qualsiasi condizione meteo-marina, anche la più avversa, in virtù di un sistema auto raddrizzante che di fatto la rende inaffondabile.

Completamente rinnovata negli allestimenti durante gli 8 mesi di lavoro presso i Cantieri navali Codecasa di Viareggio, è un unità navale con un equipaggio complessivo di 12 persone suddiviso in quattro squadre (ognuna di tre componenti), e garantisce un costante servizio di guardia 24 su 24 per 365 giorni all’anno, Immediatamente pronta a dare risposta a tutte le chiamate di soccorso.

L’unità consente la possibilità di imbarcare a bordo, in relazione all’intervento da eseguirsi, un quarto membro d’equipaggio quale Soccorritore marittimo o “Rescue Swimmer”, figura professionale altamente specializzata, di recente istituzione, nata per far fronte alle particolari situazioni operative e largamente impiegata a sud del
Canale di Sicilia per le note emergenze umanitarie (la Capitaneria di porto di Imperia dispone di un giovane militare con tale abilitazione, attualmente impiegato su unità navale a Lampedusa).

8 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie