Cronaca
Aveva 36 anni

Polizia commemora il Questore Palatucci morto a Dachau

Salvò migliaia di ebrei dallo sterminio, gestendo i flussi di profughi dai Balcani, quando era il capo della polizia di Fiume.

Polizia commemora il Questore Palatucci morto a Dachau
Cronaca Ventimiglia, 08 Febbraio 2022 ore 14:11

La Questura di Imperia ha deciso di ricordare, nell’anniversario della sua morte avvenuta nel 1945 nel campo di concentramento di Dachau, la figura di Giovanni Palatucci.

 

 

Giovanni Palautucci, Questore morto a Dachau

L’ex Questore di Fiume, riconosciuto “Giusto tra le Nazioni” dallo Yad Vashem di Gerusalemme, venne inoltre insignito della Medaglia d’Oro al Valore Civile alla memoria dello Stato italiano per aver salvato dal genocidio migliaia di ebrei.

 

Salvò migliaia di ebrei dallo sterminio

A Fiume si trovò infatti a dover affrontare e gestire la situazione dei profughi che dai Balcani arrivavano in Italia, quasi tutti ebrei, e l’impatto che le leggi razziali ebbero sulla popolazione ebraica. In quegli riuscì ad organizzare una rete di prima assistenza per salvare i perseguitati dalla deportazione nazista e per questo fu tradotto nel campo di sterminio di Dachau. Il 10 febbraio 1945 morì, a 36 anni, a pochi giorni dalla Liberazione.

 

La cerimonia

Nell’ambito delle iniziative a livello nazionale per ricordare la sua figura, la Questura di Imperia gli ha voluto dedicare una targa ed un albero di ulivo, simbolo di pace, salvezza e prosperità per le generazioni future.

La cerimonia di commemorazione si svolgerà presso la parte esterna della Scuola media Biancheri di Ventimiglia, alle ore 9.00 del 10 febbraio 2022, alla presenza del Prefetto della Provincia di Imperia, del Questore di Imperia, del Sindaco di Ventimiglia  e dell'Anps di Ventimiglia.

 

Presenti anche una rappresentanza di studenti della scuola e dell’Anps di Ventimiglia, che assieme al Comune di Ventimiglia hanno finanziato i costi dell’opera, della targa e dell’ulivo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie