Cronaca
LA TESTIMONIANZA

"Putin ci sta solo salvando da 8 anni di genocidio": parla Natalia, ucraina di Donetsk a Sanremo

"Finché a uccidere è l'America tutto è concesso, ma se a lanciare i missili è Putin allora diventa subito un mostro"

"Putin ci sta solo salvando da 8 anni di genocidio": parla Natalia, ucraina di Donetsk a Sanremo
Cronaca Sanremo, 24 Febbraio 2022 ore 14:54

Nella notte la Russia ha iniziato l'invasione dell'Ucraina, lanciando l'attacco a sette città con distruzioni, morti e feriti. Un atto condannato dall'intera comunità internazionale, ritenuto ingiustificato e al quale farà seguito - dopo la riunione della Nato - un inasprimento delle sanzioni internazionali alla Russia, richiesta a gran voce anche dall'Italia. Al momento accertati almeno 40 morti tra i militari ucraini. A Sanremo vive Natalia, ucraina di Donetsk, che giustifica l'attaco russo.

La testimonianza di Natalia, ucraina di Donetsk che vive a Sanremo

"I media, in Europa, dicono quello che 'devono' dire e fanno passare Putin per pazzo aggressore, quando invece sta semplicemente, e finalmente direi, salvando le persone che per otto lunghissimi anni stavano subendo l'oppressione, genocidio e continui bombardamenti dalla parte dell'esercito ucraino". A parlare è Natalia Marchenko, ucraina originaria di Donetsk (una delle province riconosciute dalla Duma nei giorni scorsi, filo russe e controllate dai separatisti, ndr), che da diversi anni vive in Italia e, a Sanremo, lavora come libero professionista.

"All'America, portatrice di pace, tutto è concesso"

"E nessuno si è mai interessato, perché  - prosegue -. Direi che ha aspettato anche troppo Putin. Noi a Donetsk attendavamo il suo intervento, ogni santo giorno, con la speranza che finalmente ci potesse liberare dall'esercito di Kiev e i loro continui attacchi verso i civili".

Natalia porta un esempio che tocca da vicino la propria famiglia

"Il giardino di mia madre è pieno di frammenti di proiettili di ogni genere, la casa della vicina è rasa al suolo. L'Ucraina ha tagliato ogni rapporto con Donetsk, già da diversi anni: niente commercio, niente pensioni, niente di niente, ma continua a insistere che la terra è loro. La terra è di chi vive e lavora su questa terra; è del popolo, della gente, e se tu governo maltratti, emargini e spremi all'ultima goccia, le persone si ribellano, fanno il referendum di indipendenza e non vogliono più avere a che fare con un governo del genere. Ma questo non lo dicono; dicono solo che Putin vuole conquistare l'Ucraina".

Conclude Natalia: "Prima della guerra andavo spesso a trovare i miei genitori. A Donetsk c'era un aeroporto stratosferico, costruito per gli Europei di calcio e distrutto nelle prime settimane di guerra dall'esercito ucraino, aeroporto civile. Ora si lamentano che Putin spara sulle basi militari ucraine".

Foto tratta dal profilo Facebook di Giovanni Toti

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie