Cronaca

Quarta dose per i fragili al via da oggi martedì 1 marzo 2022

Gli immunodepressi, per lo più già in cura in istituti e ospedali, verranno chiamati dalle strutture che li hanno attualmente in carico.

Quarta dose per i fragili al via da oggi martedì 1 marzo 2022
Cronaca 01 Marzo 2022 ore 09:37

Il commissario straordinario per l'emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo, lo aveva ufficializzato già il 21 febbraio scorso a Firenze: da oggi, martedì 1 marzo 2022, al via la quarta dose per i soggetti più fragili.

"Per loro - ha spiegato - il ciclo completo era fatto da tre dosi: due dosi più una addizionale. Quindi, in buona sostanza, la prossima, per loro, sarà la dose booster".

pazienti fragili sono per lo più già in cura in istituti e ospedali, dunque organizzativamente verranno chiamati, come avvenuto finora, dalle strutture che li hanno attualmente in carico. 

Speranza: "Valutiamo la quarta dose per tutti"

La quarta dose per gli immunodepressi - stabilisce una circolare del Ministero della Salute - va somministrata a 120 giorni di distanza dalla dose booster.

"A marzo parte la quarta dose per gli immunocompromessi, ma dovremo valutare il richiamo per tutti dopo l’estate. È da considerare probabile, perché il virus non stringe la mano e se ne va per sempre. Purtroppo".

Così il ministro della Salute Roberto Speranza.

Una situazione che, peraltro, con termini diversi era già stata espressa da qualche esperto, che aveva parlato di un richiamo annuale come per l'influenza.

"Teniamo Green pass e mascherine"

strumenti che sono più volte finiti al centro delle polemiche: il Green pass e le mascherine al chiuso (caduto l'obbligo all'aperto dall'11 febbraio):

"Le mascherine al chiuso sono ancora importanti: non riesco a vedere un momento X in cui il virus non esiste più e cancelliamo insieme tutti gli strumenti".

Idem per il certificato verde.

"Il Green pass è stato ed è un pezzo fondamentale della nostra strategia. E' ovvio che una misura del genere è temporanea, ma rinunciarci ora potrebbe essere un errore".

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie