Cronaca
IL FATTO

Recuperata dalla polizia una tela rubata da Palazzo Borea D'Olmo di Sanremo

Una tela, che era stata trafugata da Palazzo Borea d'Olmo, di Sanremo, è stata ritrovata dalla polizia dopo una breve indagine

Recuperata dalla polizia una tela rubata da Palazzo Borea D'Olmo di Sanremo
Cronaca Sanremo, 28 Luglio 2021 ore 17:57

Recuperata tela dalla polizia

Una tela, che era stata trafugata da Palazzo Borea d'Olmo, di Sanremo, è stata ritrovata dalla polizia. Del furto se ne sono accorti, il 22 luglio scorso, gli operai che lavorano nel cantiere di ristrutturazione del palazzo, dopo aver notato del disordine nello stabile, in particolare nell'ampia galleria che ospita ritratti di appartenenti alla nota famiglia nobiliare. Laggiù manca una tela raffigurante un’antenata, Maria Pellegrina Bestoso Borea.

Il Duca Giovanni Battista Borea d’Olmo (amministratore delegato del porto di Cala del Forte, a Ventimiglia), riferisce agli investigatori che la tela, pur risalente al ‘700, non ha un particolare valore economico quanto affettivo, appartenendo a una più ampia galleria di ritratti di antenati.

Dalla ricostruzione emerge che il ladro

dopo essersi arrampicato sulle impalcature all’esterno del palazzo, sfruttando forse un malfunzionamento del sistema d’allarme, si è introdotto nel palazzo da una finestra. Dopo aver staccato alcuni quadri da un muro - poi ritrovati accatastati in un angolo all’interno del palazzo - ha asportato la tela, strappandola dal telaio.

Il malvivente, di certo non un esperto d’arte

sottrae al cantiere anche una valigetta contenente attrezzi da lavoro. Appena uscito dal Palazzo Borea D’Olmo, forse disturbato da rumori o nel timore di incappare nella polizia, abbandona entrambi gli oggetti nascondendoli in un anfratto nelle vicinanze di un bar del centro. Grazie anche alle immagini delle telecamere di sorveglianza cittadina, gli agenti riescono a individuare la zona dove era stata nascosta la tela, la recuperano e la restituiscono al Duca Borea d’Olmo. Ora è caccia all'autore del furto.

Necrologie