Sanremo: gli vendono una pietra al posto della droga, poi lo massacrano

Nei guai ci sono tre sanremesi due di 19 anni e uno di 17 anni sono stati denunciati dalla polizia, in quanto ritenuto responsabile dell'aggressione

Sanremo: gli vendono una pietra al posto della droga, poi lo massacrano
Ventimiglia, 22 Ottobre 2019 ore 17:33

Pestato a sangue

Tre sanremesi due di 19 anni e uno di 17 anni sono stati denunciati dalla polizia, in quanto ritenuto responsabile di una selvaggia aggressione, avvenuta lo scorso fine settimana, in piazza Colombo, a Sanremo, nei confronti di un quarantenne, che si era ribellato contro i giovani, che lo avevano fregato, vendendogli una pietra anziché alcune dosi di cocaina e hascisc.

Stando a quanto accertato, il quarantenne sarebbe stato avvicinato da alcuni giovani che lo hanno convinto a comprare della droga. Dopo un’iniziale titubanza, l’uomo accetta di acquistare un paio di dosi, al prezzo complessivo di 25 euro.

Quando scarta il cellophane del pacchetto

tuttavia, scopre che al posto della droga c’è una pietra. Così inizia a inveire contro i tre giovani, che lo aggrediscono con estrema violenza prendendolo ripetutamente a calci in faccia, fintanto non lo vedono esanime in un pozza di sangue. Soltanto allora si allontanano.

All’arrivo della polizia

i tre aggressori si erano già allontanati, mentre al quarantenne, portato in ospedale, venivano diagnosticati un’abrasione corneale e diversi ematomi. Partono le indagini e grazie ad alcune testimonianze, unitamente ai filmati del sistema di videosorveglianza cittadina, in poco tempo gli agenti risalgono agli aggressori, tutti raggiunti a casa. Il minore, in particolare, aveva ancora segni sulle mani dovuti alla colluttazione e gli abiti sporchi di sangue. In un’abitazione, tra l’altro, è stata trovata e sequestrata della droga.

Leggi QUI le altre notizie

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei