Un Ecomostro sta per nascere sul Molo delle Tartarughe di Diano Marina

Un Ecomostro sta per nascere sul Molo delle Tartarughe di Diano Marina
Golfo Dianese, 11 Aprile 2019 ore 10:41

Diano Marina è da giorni in fermento dopo la presentazione di un progetto ad alto contenuto di impatto ambientale secondo le voci critiche sull’opera, che prevede la costruzione di un mega parallelepipedo alto 7 metri e mezzo, lungo cinquanta e largo quattordici sul suggestivo Molo della Tartarughe, la propaggine che dalla costa di Diano Marina si estende in mezzo al mare con il suo  solarium.

E subito la minoranza consigliare di Diano Riparte ha scatenato la prima offensiva per ostacolare un progetto che a Diano sta facendo parecchio discutere.

2 foto Sfoglia la gallery

Nelle scorse ore è stata presentata al Sindaco una interpellanza

“Considerato – si legge nel documento – che nei giorni scorsi è stato ufficialmente annunciata da codesta Amministrazione la volontà di realizzare nell’area del molo delle tartarughe una costruzione di grandi dimensioni destinata a diventare un pala congressi utilizzabile per manifestazioni, sagre e gala i cui lavori dovrebbero iniziare entro la fine dell’anno con finanziamento regionale specifico

Considerato che la notizia ha sorpreso l’intera cittadinanza, i sottoscritti consiglieri della lista Diano Riparte Ing. Michele Calcagno e dott. Angelo Basso

CHIEDONO

1 – con quale atto amministrativo (determina o delibera) e in quale data sono stati conferiti incarichi per la progettazione di tale struttura

2 – se è stata chiesta, e in quale data, l’autorizzazione al Demanio Marittimo

3 – se è stata affidata, e a chi, la necessaria variante al Piano Regolatore che in quella zona prevede strutture turistiche all’aria aperta

4 – se è stato affidato e a chi uno studio sulla valutazione di impatto ambientale

5 – trattandosi di una struttura a fini congressuali, se è stata prevista, e dove, un’adeguata area per i parcheggi

6 – se c’è stato preliminarmente un confronto con gli enti e le associazioni locali

In attesa di una risposta scritta si chiede che la presente interrogazione venga posta all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale.”

Il progetto dell’architetto Sergio Raimondo già direttore di Area 24

Il progetto, realizzato dall’architetto Sergio Raimondo, già direttore e consulente di Area 24, la società di gestione della pista ciclabile, è stato presentato giovedì scorso dall’amministrazione Dianese alla presenza dell’assessore regionale all’urbanistica Marco Scajola, che assicura un finanziamento di due milioni di euro (compreso il nuovo tratto a ponente della pista ciclabile) purchè i lavori partano entro l’anno.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità