Ventimiglia, intervento della polizia per una rissa

Nel pomeriggio di ieri la Squadra Volante del Commissariato di P.S. di Ventimiglia è intervenuta in corso Limone Piemonte dove, tramite il Numero Unico 112, era stata segnalata una violenta lite tra due persone.

Ventimiglia, intervento della polizia per una rissa
Ventimiglia, 24 Gennaio 2020 ore 16:57

L’intervento della Volante

Nel pomeriggio di ieri la Squadra Volante del Commissariato di P.S. di Ventimiglia è intervenuta in corso Limone Piemonte dove, tramite il Numero Unico 112, era stata segnalata una violenta lite tra due persone.

Giunti sul posto gli operatori si sono trovati davanti un giovane di colore che, con in mano un paletto, stava infrangendo le vetrine di una sala scommesse.

Dopo averlo accerchiato, con l’aiuto  di altri agenti  nel frattempo intervenuti, i poliziotti sono riusciti a convincerlo a smettere. 

Il ragazzo con una vistosa ferita alla testa è stato  trasportato al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Sanremo da personale del 118, scortato dalla Polizia di Stato.

Nel frattempo gli operatori hanno appurato che pochi attimi prima l’uomo aveva aggredito, senza motivo, una donna dapprima spintonandola e strattonandola per i capelli per poi colpirla con un calcio. La stessa  è stata successivamente ricoverata in Pronto Soccorso per le cure del caso.

In difesa della vittima, è intervenuto il titolare della sala scommesse situata su corso Limone Piemonte. Lo straniero prima l’ha insultato e offeso  (“figlio de puta”), poi lo colpiva con lo zaino che aveva con sé, pieno di pietre.

In suo aiuto è intervenuto l’altro socio della sala scommesse e l’aggressore si è accanito anche contro di lui, sempre impugnando lo zaino e usandolo come “arma”.

Insieme, i due uomini sono riusciti ad atterrare lo straniero e subito dopo si sono rifugiati  all’interno della sala giochi.

Non contento, l’assalitore, si allontanava di qualche metro, sradicava un paletto in ferro utilizzato per delimitare i posti auto condominiali e, dopo aver minacciato i due titolari della sala giochi, colpiva con violenza le vetrate dell’esercizio, infrangendole.

La Squadra Volante è giunta proprio in quel momento procedendo all’arresto dell’uomo, colto nella flagranza del reato di danneggiamento aggravato.

L’assalitore di 24 anni, originario del Gambia, ha procurato  all’esercizio commerciale un danno di circa 3.000 euro.

Per le ferite riportate, alla donna veniva diagnosticato un trauma con una prognosi di 20 giorni, al titolare un trauma con prognosi di 15 giorni e al socio una infrazione del quarto dito della mano sinistra con 5 giorni di prognosi.

Sul posto interveniva anche personale della Polizia Scientifica per effettuare i relativi rilievi.

Stamane in udienza il giudice convalidava l’arresto e applicava all’imputato l’obbligo di firma, tutti i giorni presso gli Uffici di polizia.