Il riconoscimento

Anche Taggia diventa “Città che legge”

La nomina intende promuovere e valorizzare le amministrazioni comunali che si impegnano a svolgere con continuità politiche pubbliche di promozione della lettura sul proprio territorio

Anche Taggia diventa “Città che legge”
Cultura Taggia, 16 Luglio 2020 ore 14:23

Taggia ha ottenuto la qualifica di “Città che legge” per il biennio 2020-2021.

Riconoscimento per Taggia dal Centro per il libro e la lettura

La conferma arriva direttamente dal Centro per il libro e la lettura, l’Istituto autonomo del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo (MiBACT). Il riconoscimento intende promuovere e valorizzare le amministrazioni comunali che si impegnano a svolgere con continuità politiche pubbliche di promozione della lettura sul proprio territorio. Grande soddisfazione per il Vice Sindaco Chiara Cerri, l’Assessore Barbara Dumarte e il Presidente del Consiglio Comunale con delega alla Cultura Laura Cane che con l’aiuto dell’ufficio Pubblica Istruzione e Cultura, nel mese di gennaio avevano proposto e ottenuto la collaborazione di scuole ed enti privati per avviare il percorso che consente di acquisire la prestigiosa qualifica.

I soggetti coinvolti

I soggetti coinvolti attivamente nel progetto sono: l’Istituto Comprensivo Arma di Taggia, l’Istituto Comprensivo di Taggia, l’Istituto Corradi, l’asilo nido Girotondo, l’asilo nido Bollicine, l’Istituto Superiore Ruffini – Aicardi, l’Istituto Superiore Colombo, la Biblioteca Comunale, la Libreria Atene, la Libreria Aria d’Inchiostro, il Centro Culturale Tabiese, l’Associazione Gente Comune, il Museo Ferroviario Ligure, la Fondazione Pizio Rovera, il Museo Nazionale dei Trasporti, il Servizio Volontari Protezione Civile, il Teatro del Banchéro, la Cumpagnia Armasca.

Leggi QUI le altre notizie

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli