Cultura
Casinò di Sanremo

Felice Cavallaro ai Martedì Letterari

Il volume che descrive la lotta alla mafia vista dagli occhi di Francesca Morvillo

Felice Cavallaro ai Martedì Letterari
Cultura Sanremo, 07 Novembre 2022 ore 10:48

Domani 8 novembre ore 16.30 nel Teatro dell’Opera del Casinò di Sanremo la rassegna autunnale dei Martedì Letterari presenta il giornalista e saggista Felice Cavallaro.

 

Felice Cavallaro ai Martedì Letterari del Casinò

Con “Francesca” Storia di un amore in tempo di guerra” (Solferino) l’autore ci trasferisce “un ritratto intenso e commovente di Francesca Morvillo e di chi ha combattuto la mafia a costo della vita” come ha scritto Stefania Auci. “Un importante viaggio dentro una storia siciliana che, nella vitalità della memoria, riguarda tutto il Paese.” Come ha sottolineato Dacia Maraini.

L’appuntamento è inserito nel ciclo:” La cultura della Legalità”. Letture scelte con Loredana De Flaviis. attrice de Il Teatro dell’albero.

Ci sono l’amore e l’intesa. L’impegno e il sacrificio in un Paese in tempo di guerra. Ci sono gli amici e i nemici, le battaglie e i processi, la vita quotidiana e una parte importante della nostra storia, interrotta improvvisamente quel tragico giorno di maggio del 1992, oscurato dalla strage di Capaci. Al centro della scena è una donna, Francesca Morvillo, insieme all’uomo cui ha scelto di stare accanto fino all’ultimo, consapevole del pericolo: Giovanni Falcone. Le loro vite si intrecciano nella stagione più difficile del conflitto tra lo Stato e Cosa Nostra. Francesca è figlia, sorella, moglie di giudici e magistrato a sua volta. Giovanni lancia la sfida più ambiziosa alla mafia insieme ai giudici del Pool.

 

La guerra alla mafia negli occhi dei Francesca Morvillo

Felice Cavallaro ne rievoca in queste pagine i caratteri e la complicità, la forza e le debolezze. E ripercorre come in un romanzo le tappe della loro vita, dall’adolescenza al primo matrimonio di lei, dal loro incontro agli anni più felici, dal comune impegno civile alla diffidenza dei colleghi, dall’esilio forzato all’Asinara con il giudice Paolo Borsellino e sua moglie Agnese all’attentato scongiurato nella villa dell’Addaura. Fino agli intrighi più odiosi. Sullo sfondo uno Stato assente, distratto, forse anche colluso. Poi le polemiche per il trasferimento di Falcone a Roma e quel rientro a Palermo per una vacanza che non faranno mai. Dopo l’esplosione a Capaci Francesca sembra ancora in vita. I suoi occhi si aprono per l’ultimo istante. Il tempo di sussurrare poche parole: «Dov’è Giovanni?».

 

Felice Cavallaro, nato nel 1949 a Grotte, in provincia di Agrigento, ha vissuto i primi cinque anni a Racalmuto. È l’ideatore di un itinerario culturale che collega i luoghi di Pirandello, Tomasi di Lampedusa, Camilleri, Sciascia, il percorso della «Strada degli Scrittori», l’associazione che ha fondato e dirige. Ha esordito al quotidiano «L’Ora», all’Agi, alla Rai. Ha lavorato al «Giornale di Sicilia», diventando poi una firma del «Corriere della Sera», per cui segue da tanti anni attualità, fatti e misfatti di mafia. Con Solferino ha pubblicato Sciascia l’eretico (2020) e Francesca (2022).

 

Mercoledì appuntamento con Oscar Farinetti

Mercoledì 9 novembre ore 16.30 nel Teatro dell’Opera, nell’ambito dei Martedì Letterari Oscar Farinetti relazionerà sul suo ultimo saggio:” E’ nata prima la gallina..forse…” (Slow Food Editore). L’incontro è inserito nel piano di Formazione dei docenti e dei giornalisti.

Seguici sui nostri canali
Necrologie