LA PROTESTA CONTINUA

La serrata del mercato di Oneglia: Giraudo, siamo commercianti non carne da macello

I commercianti scioglieranno il presidio, verso le 12.30-13, alla chiusura del mercato. Ora sono in attesa di aprire una trattativa con il Comune

La serrata del mercato di Oneglia: Giraudo, siamo commercianti non carne da macello
Imperia, 30 Maggio 2020 ore 09:45

Mercato di Oneglia

I circa cento ambulanti del mercato di Oneglia hanno improvvisato una serrata delle bancarelle, stamani, in segno di protesta contro il Comune che, per motivi legati alle normative anti-Covid, ha cambiato location, spostando il circuito commerciale da piazza Goito e piazza del Mercato, a piazzale Maestri del Commercio e banchina Aicardi.

“Abbiamo deciso di non aprire, perché l’area indicata dal Comune è inaccessibile – spiega Renato Giraudo (Anva Confesercenti) -. Ci sono i camion che passano per andare verso la dogana; la sabbia sul molo che in caso di vento potrebbe finire sui vestiti o sui generi alimentari e che dire della carcassa di un topo che giace in un angolino”.

Così Giraudo, come anche gli altri commercianti, la parole d’ordine è “dignità”. “Ci vuole coraggio a mettere delle famiglie che guadagnano briciole, neanche più la pagnotta, in queste condizioni di disagio – prosegue Giraudo -. Ci sentiamo offesi nella nostra dignità. Siamo aziende, non carne da macello. Ci stiamo comportando in modo molto educato: non ci sono cartelli offensivi e nessun tipo di bandiere. Siamo tutti ambulanti che cercando di salvarsi per non essere affossati”.

I commercianti scioglieranno il presidio, verso le 12.30-13, alla chiusura del mercato. Ora sono in attesa di aprire una trattativa con il Comune e in caso di stallo, non si esclude che possano organizzare un’altra serrata per la prossima giornata di mercato: mercoledì.

Leggi qui le altre notizie

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità