Economia
La vecchia guardia

Pensionati della Coldiretti tornano a riunirsi

Grande riunione a Imperia per i pensionati agricoli. Il presidente Gianluca Boeri "Sono la nostra fonte di ispirazione"

Pensionati della Coldiretti tornano a riunirsi
Economia Imperia, 07 Ottobre 2022 ore 15:08

Ha avuto luogo ieri, giovedì 6 ottobre, a Imperia l’annuale appuntamento dei pensionati di Coldiretti Liguria, che, dopo tre anni dal loro ultimo incontro (avvenuto nel 2019 a Millesimo, in provincia di Savona) sono finalmente riusciti a riunirsi dalle quattro province della nostra regione per una giornata di festa, in occasione della quale affrontare insieme anche importanti tematiche legate al mondo degli anziani.

 

Pensionati di Coldiretti a riunione

Come da tradizione, la giornata di festeggiamenti si è aperta con la Santa Messa, officiata presso il Duomo di San Maurizio, a Imperia, da Monsignor Guglielmo Borghetti, proseguendo poi con un saluto del primo cittadino imperiese, Claudio Scajola, e della Dirigenza di Coldiretti Liguria e con un conviviale pranzo presso il Ristorante San Matteo di San Bartolomeo al Mare, dove è stato altresì possibile avere un momento di confronto sui temi più attuali riguardanti i pensionati: da salute e prevenzione all’importanza di assicurargli pensioni adeguate.

 

Le autorità presenti

Per l’occasione, i pensionati sono stati accolti nel capoluogo di provincia ponentino dal Presidente nazionale di Federpensionati, Giorgio Grenzi, dal Segretario nazionale del movimento, Lorenzo Cusimano, dalla Presidente regionale dei Pensionati e da quello della provincia di Imperia, Angela Romaggi e Fernando Sasso, dal Presidente di Coldiretti Liguria, Gianluca Boeri, dal Delegato Confederale, Bruno Rivarossa, e da Direttori e Dirigenti delle varie Federazioni provinciali.

La Regione più vecchia d'Italia

Non è un segreto: la Liguria è la regione italiana con la più alta percentuale di over 65 (‪436.284‬ al 2021, Fonte: Istat), pari al 28,73% dei residenti, il 54,57% dei quali (‪238.100‬ al 2021, Fonte: Istat) ultra 75enni e ben 737 ultra centenari.

 

"Senior per sempre"

"I nostri senior per sempre, come mi piace chiamarli – spiega Giorgio Grenzi, Presidente nazionale di Federpensionati – sono una risorsa fondamentale per il Paese, che però ancora non li tutela come dovrebbe. Esistono già dei disegni di legge pensati per supportarne la salute e garantire loro servizi adeguati a mantenere la propria indipendenza, ma la politica deve fare la sua parte per attuarli nella maniera migliore. I nostri pensionati di oggi sono coloro che, nati tra la fine della Seconda Guerra mondiale e il dopoguerra, con il loro lavoro nei campi hanno risollevato il Paese già una volta, e sono pronti a farlo di nuovo, mettendo a disposizione delle nuove generazioni tutto il loro sapere, insegnamenti e gli strumenti utili ad affrontare la crisi, a tavola e non solo".

"Hanno aperto la strada"

"Anche per questo esiste la Giornata del Pensionato, "festa – aggiunge la Presidente di Federpensionati Liguria, Angela Romaggidedicata a coloro che, con duro lavoro, hanno aperto la strada per la moderna agricoltura e pesca, diventando degli esempi importanti per le nuove generazioni. È stato bellissimo riunirsi dopo tanto tempo, potersi incontrare nuovamente dal vivo e parlare di temi cari sia al nostro movimento che a tutta l’Italia".

 

"Una fonte di ispirazione"

In Liguria i pensionati che provengono dal mondo agricolo e ittico sono l’emblema del cosiddetto invecchiamento attivo – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria, Gianluca Boeri, e il Delegato Confederale, Bruno Rivarossadal momento che hanno alle spalle l’esperienza di una vita e ancora molto da offrire. I nostri anziani restano sempre una grandissima risorsa per la regione, sia per il ruolo che svolgono nella società che per la loro operatività costante e per la funzione di consiglieri che hanno nelle nuove scelte imprenditoriali”.

E, aggiunge Boeri, "non smettono mai davvero di lavorare, perché hanno la fortuna anche dopo la pensione di poter continuare a coltivare le proprie passioni, che hanno coinciso per tutta la loro vita con il lavoro svolto nelle campagne. I nostri anziani sono una risorsa insostituibile e una fonte di ispirazione, che deve essere apprezzata, valorizzata e tutelata al meglio".

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie