Politica
Regione Liguria

Aumento vitalizi ai Consiglieri, Rifondazione attacca

Vitalizi adeguati all'inflazione, esplode l'indignazione dei comunisti che rilanciano: "E i salari e le pensioni?"

Aumento vitalizi ai Consiglieri, Rifondazione attacca
Politica 05 Gennaio 2023 ore 14:14

Con una nota stampa firmata dai segretari nazionale e regionale Maurizio Acerbo e Sergio Dalmasso, Rifondazione Comunista si scaglia contro il Consiglio regionale della Liguria che ha adeguato i vitalizi per i membri all'inflazione con uno scatto del 12%. "E i salari e le pensioni?"

 

Aumento dei vitalizi ai Consiglieri regionali del 12%

"Il Consiglio regionale della Liguria ha votato l’aumento, pari al 12%, dei vitalizi- scrivono i segretari nel comunicato- per i consiglieri. Ha cioè adeguato i vitalizi all’inflazione. Peccato che questo valga solamente per i consiglieri e non per milioni di salariati o pensionati. Chi ha votato questo ennesimo regalo a chi è già privilegiato, ha dimenticato che da circa trent’anni un orrendo accordo governo/padronato/sindacati ha cancellato la scala mobile, cioè il parziale adeguamento di salari e pensioni all’aumento del costo della vita, che l’inflazione al 12% sta peggiorando le condizioni di vita di gran parte della popolazione, che gli indici di povertà assoluta e relativa riguardano aree e settori sempre più ampi del nostro paese"

 

"Politica di palazzo accresce solo i suoi privilegi"

"Che mentre i prezzi esplodono e la speculazione trionfa, salari e pensioni sono bloccati da anni e i contratti non vengono rinnovati. Le scelte del Consiglio regionale, targato Toti -proseguono-, sono un affronto per centinaia di migliaia di cittadini e cittadine. Accrescono ancora il distacco rispetto alla politica di “palazzo” e verso un ceto politico che garantisce e accresce i propri privilegi"

 

Aumento vitalizi "Assurdo che poi frignino per la sfiducia dei cittadini"

"E’ assurdo poi -si conclude la nota al vetriolo- , che questi signori, dall’alto dei loro scranni e dei loro stipendi, frignino per le basse percentuali di elettori e per la crescente sfiducia verso i partiti e la politica."

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie