Politica
Regione Liguria

Opposizione abbandona l'aula "Strappo di Toti sulla sanità"

Casus belli il piano relativo al PNRR in materia che il governatore ha inviato a Roma bypassando commissioni e consiglio

Opposizione abbandona l'aula "Strappo di Toti sulla sanità"
Politica Imperia, 26 Aprile 2022 ore 18:06

Opposizione furiosa, abbandona l'aula del Consiglio regionale dopo che il Governatore ha inviato a Roma il piano sugli ospedali di comunità e le case di cura (fondi PNRR) senza passare dalle commissioni e dal consiglio regionale "Come aveva promesso".

 

"Ha già deciso tutto senza coinvolgere l'aula e i territori"

“Da tempo avevamo chiesto di discutere in Aula e sui territori la programmazione per l’utilizzo dei fondi del Pnrr e la collocazione delle case di comunità, ma oggi scopriamo, da un comunicato stampa, che Toti ha inviato già tutto a Roma: un piano che prevede la localizzazione definitiva degli Ospedali di comunità e delle Case della salute. Per questo abbiamo ritirato la mozione sul tema e abbiamo lasciato l’Aula, visto che a febbraio 2022 Toti aveva detto che ci sarebbe stato un confronto politico in Consiglio, confronto che non c’è mai stato e oggi prendiamo atto che Toti, per l’ennesima volta, senza coinvolgere l’Aula e i territori ha già deciso tutto”, così il capogruppo del Partito Democratico Articolo Uno Luca Garibaldi dopo aver lasciato l’aula insieme a tutta l’opposizione.

“Ci domandiamo - riprende Garibaldi - come mai il presidente della Commissione Sanità della Lega, Brunetto Brunello, non si sia ancora dimesso, visto che è stato completamente esautorato dal suo ruolo da Toti. Il Presidente della Regione ha dimostrato ancora una volta di non tenere in nessuna considerazione il Consiglio, dove non si discute più di sanità e di programmazione socio sanitaria e tutto viene inviato a Roma senza nessun confronto. Il disinteresse di Toti verso la salute dei liguri e la Sanità è evidente: non si è neanche degnato di rispondere alle nostre domande e alla nostra contestazione”, dice il capogruppo del Partito Democratico.

 

"Un silenzio quasi illegittimo"

Il capogruppo del Movimento Cinque Stelle Fabio Tosi, sottolinea le mancanze dell’assessore alla Sanità: “In questo modo è stata svilita ancora una volta l’Aula consiliare e in particolare il confronto politico sulla sanità, oggi, senza alcun passaggio in Commissione o in Consiglio, la Giunta ha inviato a Roma il Piano Operativo Regionale per gli interventi che saranno realizzati tra Case di comunità, Ospedali di comunità e Centrali operative territoriali. Mancano non solo trasparenza e confronto, ma persino la volontà di condividere documenti che, come opposizione, abbiamo diritto di consultare”.

“È scandaloso - prosegue Tosi citando uno delle tante domande disattese - che una nostra richiesta di accesso di agli atti datata 25 gennaio sul Piano sociosanitario della nostra Regione, scaduto nel 2019, non sia ancora stata accolta, andando ampiamente oltre il termine dei 30 giorni, al punto che il silenzio della Giunta diventa illegittimo. Quanto successo in questi mesi è gravissimo, per questo valuteremo di rivolgerci al Prefetto. Sono mesi che aspettiamo quella documentazione e non per dire ‘no’ alle iniziative della maggioranza, ma per dare un contributo che, lo ricordiamo, affiniamo ascoltando il territorio”.

 

Una manovra che "Spalanca le porte ai privati"

“La riforma della Sanità di Toti - rincara Ferruccio Sansa, capogruppo della Lista Sansa - spalanca le porte alla privatizzazione, una privatizzazione che grazie alle Case di comunità raggiunge anche i medici di base. Soltanto poche di queste, infatti, saranno gestite dal pubblico, la maggior parte invece, sarà in mano ai privati: senza sapere chi e a che condizioni se ne occuperà”

“Questo dimostra ancora una volta come la gestione della Sanità in Liguria non solo sia pensata per i privati, ma è privata essa stessa poiché del tutto in mano a Toti”, aggiunge il capogruppo di Linea Condivisa Gianni Pastorino. “Non si è voluto un assessore interamente dedicato alla Sanità, si sono costruite strutture come quella di Profiti su strutture esistenti e oggi si esautora persino il ruolo dell’Aula su un tema così importante come quello del PNRR in ambito sanitario”, afferma Pastorino.

"Sminuita la collaborazione tra maggioranza e minoranza"

“La collaborazione tra maggioranza e minoranza che è la base dello spirito con la quale è nata la Commissione Speciale Next Generation è stata ancora una volta sminuita. Quella commissione è nata per costruire un percorso condiviso su tutti i temi inerenti il PNRR, si era chiesto, al di là delle competenze previste dalla legge, di fare un approfondimento sui temi delle case di comunità e dei fondi PNRR legati alla Sanità, e ci ritroviamo di fronte a un’occasione persa”, osserva amaro il presidente della commissione Next Generation EU e consigliere regionale del Partito Democratico Davide Natale.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie