“DUE ARBITRI INCOMPETENTI”: COACH BONINO FURIOSO DOPO LA SCONFITTA DEL BVC SANREMO

“DUE ARBITRI INCOMPETENTI”: COACH BONINO FURIOSO DOPO LA SCONFITTA DEL BVC SANREMO
07 Gennaio 2017 ore 23:42

SANREMO – Il Bvc Sanremo perde in casa (48-54) un match che per come era cominciato (pronti via 10-0) e per come si era chiuso nel terzo periodo di gioco (45-39) era ampiamente alla sua portata contro un Pro Recco sicuramente più esperto, più fisico e agonisticamente più cattivo.

Poi ci si sono messi di mezzo gli arbitri (la coppia Vicari di Imperia e Zappa di Savona) che nei momenti topici del terzo quarto, quando si era punto a punto, hanno innervosito i giovani sanremesi fischiando un fallo tecnico al giovanissimo Alberto Fiore (16 anni) che mentre il compagno di squadra Marco Bonino tirava due liberi si è dissetato dalla bottiglietta d’acqua del papà seduto sugli spalti.

Regolamento alla mano due tiri liberi per Recco e la partita ha preso tutta un’altra piega. Una fiscalità al limite del burocratico per i due arbitri, che per tutto il match (chi scrive era presente questa sera alla partita) non si era vista, tanto da far sbottare coach Mauro Bonino a fine partita: “Due arbitri incompetenti, lo scriva pure, assolutamente incompetenti per come hanno diretto la partita, fino all’atto finale: come si fa a fischiare un tecnico a un ragazzino del 2000 che beve da una bottiglietta d’acqua data dal papà? Certo che il regolamento non lo consente, ma avverti il giocatore, non fischi un fallo tecnico in un momento così. Questo uccide il basket ai nostri livelli. Lo scriva pure, se mi squalificano pazienza”. 

A mente fredda Bonino non ha arretrato di un passo. In un lungo post su facebook ha espresso il suo pensiero: “Anche questa é andata male. Siamo in fondo alla classifica e l’incompetente e l’inadeguato é sicuramente uno solo: il sottoscritto. Lunedi continuerò ad insegnare ai ragazzi come si sfruttano i blocchi , come si passa su un pick and roll e su come si effettua un tagliafuori. Cercherò di fare del mio meglio. Spero di avere ancora la loro attenzione , convincendoli che la tecnica e i fondamentali sono importantissimi. Chiederò loro di dimenticare chi permette mani addosso, trattenute ecc ecc del difensore su chi sfrutta i blocchi, di chi permette il pick and roll ..camminato, con il bloccante che cammina a seconda di dove passa il difensore. Dirò di scordare tutto, al mio diciassettenne a cui é stato dato tecnico perché ha bevuto un sorso d’acqua sportagli dal padre Tecnico dato a gioco fermo con tiri liberi dall altra parte, senza almeno un preavviso (lui non lo sapeva) , Ripeto , 17 anni , beve fuori dalla panchina: tecnico immediato! Come da regolamento. Perfetto. Spero che mi credano i ragazzi quando gli dirò che il regolamento è dalla loro parte. Che le regole FIBA sono fatte per proteggerli e sopratutto proteggere il gioco del basket.
“Questi giovani che ogni domenica fanno centinaia di km per la Liguria – scrive ancora il coach sanremese – temo che piano piano smetteranno. Continueranno i furbi , i mestieranti che imporranno le loro regole , non certo quelle Fiba. Sarà un basket di spintoni, di mani addosso, di blocchi camminati, di tagliafuori con le braccia, e di tecnici a chi beve fuori dalla panchina. Resta , comunque la classifica, siamo in fondo , e il responsabile sono io. Ma mi brucia e mi fa male vedere la pallacanestro lentamente morire , vittima della nostra incompetenza.”

Andrea Moggio

I parziali: 14/10 29/29 45/39 48/54

Bvc Sanremo: Pistola 5, Genovese 2, Deda 3, El Zahidi 4, Fiore 6, Arturo, Bonino 12, Tacconi 16, Streppa, Navaglia. Coach Mauro Bonino

Pro Recco: Russo 1, Cipollina 10, Massone 3, Canepa 4, Valdenassi 1, Carpaneto, Bellinghieri 15, Kourentis 17, Iacovelli 3. Coach: Matteo Bertin

Leggi (QUI) le altre notizie de La Riviera


Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità