"Scelte come quelle di Junior Cally sono eticamente inaccettabili" scoppia un nuova polemica a Sanremo

A sollevare il caso un certo numero di parlamentari di vari schieramenti che si sono rivolte a Viale Mazzini e all'Usigrai sottolineando come la direzione artistica della Rai (leggi Amadeus) sia in palese contrasto con il servizio della Rai, i cui principi puntano sulla parità di genere e di rispetto dell'immagine della donna

"Scelte come quelle di Junior Cally sono eticamente inaccettabili" scoppia un nuova polemica a Sanremo
19 Gennaio 2020 ore 16:45

Scoppia un nuova polemica a Sanremo

Sembra non esserci pace per Amadeus dopo le polemiche per le sue parole durante la conferenza stampa riferite a Francesca Sofia Novello. Ora a essere sotto accusa è la scelta di avere sul palco dell'Ariston un personaggio come il rapper Junior Cally, con un passato di brani pieni di "violenza, sessismo e misoginia".

A sollevare il caso un certo numero di parlamentari di vari schieramenti che si sono rivolte a Viale Mazzini e all'Usigrai sottolineando come la direzione artistica della Rai (leggi Amadeus) sia in palese contrasto con il servizio della Rai, i cui principi puntano sulla parità di genere e di rispetto dell'immagine della donna.

Sul caso interviene anche Marcello Foa, presidente Rai che dichiara " Il Festival di Sanremo, soprattutto nel suo 70esimo compleanno, deve rappresentare un momento di condivisione di valori, sano svago e unione nazionale nel rispetto del mandato di servizio pubblico. Scelte come quelle di Junior Cally sono eticamente inaccettabili per la stragrande maggioranza degli italiani...Chi nelle canzoni esalta la denigrazione delle donne e persino la violenza omicida, e ancora oggi giustifica questi pezzi come espressione artistica, non dovrebbe  beneficiare di una ribalta nazionale"

Sul caso si è pronunciato anche il leader della lega Matteo Salvini (leggi qui)

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie