Politica
Rogo dell'asilo

Ingenito al vetriolo contro l'opposizione: "Sciacalli"

Il sindaco si toglie i sassolini dalle scarpe e rimbalza le critiche all'opposizione sulla sicurezza antincendio.

Ingenito al vetriolo contro l'opposizione: "Sciacalli"
Politica Bordighera, 07 Luglio 2022 ore 14:32

Il sindaco di Bordighera, Vittorio Ingenito, interviene a margine del Consiglio comunale di ieri sera, nel quale l'opposizione ha puntato il dito contro l'amministrazione a margine dell'incendio che ha distrutto la scuola per l'infanzia di via Napoli.

 

Il lungo comunicato di Ingenito

Torno rapidamente sul Consiglio Comunale di ieri per evidenziare che non possiamo accettare “lezioni di sicurezza” in materia di prevenzione incendi da chi ha gestito in maniera non certo responsabile la Città nei cinque anni precedenti la nostra amministrazione.

 

Ho definito "inopportuna" e "spudorata" la richiesta dei consiglieri Giacomo Pallanca, Margherita Mariella e Massimiliano Bassi di prevedere e attivare un sistema di rilevazione incendi di alta sensibilità nella nuova scuola d'infanzia di via Napoli, appena distrutta dalle fiamme.

 

Uno sciacallaggio politico che proviene proprio dai tre amministratori che hanno lasciato priva di Certificato di Prevenzione Incendi la scuola dell’infanzia di Villa Felomena, senza centralina del sistema antincendio la scuola Rodari e scaduti gli estintori del porto. In tutti e tre i casi siamo intervenuti tempestivamente non appena abbiamo avuto notizia dagli Uffici Comunali; per Villa Felomena, in particolare, abbiamo dovuto chiudere immediatamente l'asilo e predisporre una sistemazione per i bimbi più piccoli in altri plessi.

 

Ieri sera l’ex sindaco Pallanca e il consigliere Mariella (ex assessore con delega alle scuole) hanno detto che sono "tutte storie" e che Villa Felomena era a posto.  Il consigliere Bassi (ex assessore ai lavori pubblici) ha sostenuto che, se davvero ci fossero stati i problemi che ho ricordato, allora la responsabilità sarebbe stata degli Uffici, per non aver avvisato.

Queste gravi affermazioni vengono puntualmente smentite nel documento qui allegato a firma del Responsabile dell’Ufficio Tecnico, dal quale si evince che:

 

1)  Il Certificato di Prevenzione Incendi della scuola di Villa Felomena era scaduto in data 12/11/2016;

2)  La precedente amministrazione aveva affidato all’Ing. Biancheri proprio un incarico per adeguare la scuola di Villa Felomena alle vigenti norme in materia di prevenzione incendi;

3)   Il Comando dei Vigili del Fuoco in data 20/06/2017 approvava il progetto con una serie di prescrizioni mai attuate dalla giunta Pallanca, ​che hanno di fatto portato alla nostra decisione di chiudere la scuola per evidenti carenze di sicurezza.

Viene così tempestivamente data risposta anche all'invito, che ha rivolto il consigliere Bassi, di avvallare le mie dichiarazioni con una documentazione scritta. (“ce li porti i documenti sig. sindaco visto che lei dice che ci sono me li porti, mi faccia vedere che io li ho vistati”).

Resta ferma la nostra determinazione nel ricostruire la scuola di Via Napoli non appena le attività di indagine lo consentiranno

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie