Menu
Cerca
Presidio a Imperia

“Ospedale unico un baricentro? Ma se non ci sono le strade”

"Come si raggiungerebbe il megacentro futuribile dall'entroterra?"

“Ospedale unico un baricentro? Ma se non ci sono le strade”
Politica Imperia, 10 Aprile 2021 ore 09:56

A poche ore dall’inizio del presidio di alcuni cittadini, presso il Palasalute di Imperia, per ribadire il “no” alla costruzione dell’ospedale unico a Taggia, Gian Piero Buscaglia, per l’Unione Sindacale dei Consumatori e Gruppo Radicale Adele Faccio esprime alcune considerazioni.

 

 

Ospedale unico “Mancano le strade, che baricentro è?

“Sul tema dell’ospedale unico a Taggia, – scrive – l’argomento principe è la baricentricità: peccato, però, che non vi siano strade a sufficienza per raggiungere tale baricentro, poiché l’attuale Aurelia bis è un pezzetto ridicolo, da Arma a Sanremo. Gli antagonisti ufficiali al progetto, certamente speculativo, intendono come noi difendere la sanità pubblica,ma tirano in ballo temi mondialisti, anticapitalistici, ideologici. In realtà, ogni loro discorso è prematuro: se mancano le strade, che baricentro è?”

 

 

Aurelia-bis dal Golfo Dianese A Ventimiglia

“Ciò – continua – a prescindere dall’esperienza covid, che dovrebbe far riflettere sulla mania di concentrare i noso-comi anziché potenziare la medicina di base, gli ambulatori, le terapie intensive e il relativo personale. Ma – lo ripetiamo – la discussione neppure si pone, vista la mancanza del requisito di base: le vie di comunicazione fra il megacentro futuribile e i paesi dell’entroterra e della costa, serviti soltanto dalla vetusta Aurelia o dalla costosa autostrada, senza un’Aurelia-bis degna di questo nome, ovvero dal confine intemelio al dianese.”

 

 

Necrologie